NO PROFIT. Le ONG internazionali firmano la Carta mondiale di Responsabilità

I vertici delle undici più importanti organizzazioni internazionali per lo sviluppo sociale, i diritti umani e l’ambiente, hanno firmato a Londra un accordo pubblico per la prima Carta mondiale di Responsabilità (Accountability Charter) per il settore no-profit. Le ONG internazionali stanno assumendo un ruolo sempre più importante. In tutto il mondo le indagini sull’opinione pubblica dimostrano che esse godono di maggiore fiducia rispetto a governi e industrie.

Oltre a rispecchiare il loro intento di essere il più possibile trasparenti e affidabili, l’Accountability Charter vuol dimostrare che le ONG tengono in grande considerazione la fiducia riposta in loro dal grande pubblico, senza darla per scontata e si impegnano a sostenere e a far crescere questa fiducia. L’iniziativa arriva in un momento in cui il settore no-profit è posto sotto stretto scrutinio, sia da coloro che vorrebbero che ampliasse la sua sfera d’azione, sia da coloro che invece vorrebbero limitare le attività delle ONG.

Per questo la Federazione Internazionale Terre des Hommes assieme a ActionAid International, Amnesty International, CIVICUS World Alliance for Citizen Participation, Consumers International, Greenpeace International, Oxfam International, l’International Save the Children Alliance, Survival International, Transparency International e World YWCA hanno voluto firmare il primo codice di condotta internazionale e intersettoriale per le ONG.

L’Accountability Charter stabilisce i valori chiave e i principi operativi per le ONG internazionali, come ad esempio affidabilità nel controllo, gestione e raccolta fondi o nella partecipazione dei soci. Nel documento si fa uno specifico riferimento al rispetto dei principi universali (come la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani), nonchè a indipendenza, responsabilità nelle attività di advocacy, efficacia dei progetti, assenza di discriminazioni, trasparenza ed eticità nella raccolta fondi.

"Per noi la firma della Carta è la dimostrazione che il nostro settore è in grado di autoregolarsi e trovare al suo interno le ragioni e le modalità per garantire i massimi livelli di trasparenza e affidabilità, così come ci richiedono la Commissione Europea e i nostri donatori", dichiara Raffaele Salinari, Presidente della Federazione Internazionale Terre des Hommes. "Non solo: attraverso la fiducia del pubblico la nostra azione può incidere ancora più profondamente sulle politiche dei governi per la costruzione di un mondo più equo".

Per ulteriori informazioni consultare il sito www.terredeshommes.it

 

Comments are closed.