OGM. Prodotti contaminati, Coldiretti: “Russia chiede garanzie all’Italia”

Per la prima volta la Federazione Russa ha chiesto all’Italia che i prodotti alimentari vegetali esportati in Russia siano accompagnati da documenti con informazioni sulla eventuale presenza di componenti ottenuti dall’uso di Ogm, gli organismi geneticamente modificati. A renderlo noto è Coldiretti che, sulla base di una nota del Ministero della Salute, sottolinea "l’importanza della scelta di tolleranza zero nei confronti delle contaminazioni Ogm fatta dall’agricoltura italiana, per non compromettere la qualità, l’immagine e le esportazioni del Made in Italy alimentare".

Lo scandalo della scoperta di partite di riso geneticamente modificate, esportate illegalmente in tutto il mondo dagli Stati Uniti, secondo Coldiretti, ha portato gli stessi agricoltori statunitensi a citare in giudizio la società produttrice delle sementi contaminate e a bloccare le importazioni di riso americano da parte del Giappone. In Europa, dove sono state introdotte severe procedure di controllo per l’isolamento e il ritiro del riso contaminato, secondo un recente sondaggio Eurobarometro, il 62% dei cittadini europei e il 77% di quelli italiani sono preoccupati della presenza di organismi geneticamente modificati (Ogm) negli alimenti.

Comments are closed.