OGM. Task force richiama impegno assessori regionali ad abbandonare coesistenza

In una lettera inviata all’Assessore alle Risorse Agroalimentari della Regione Puglia, la Task Force per un’Italia libera da OGM esprime le proprie osservazioni sulla proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio che modifica la direttiva 2001/18 CE per quanto concerne la possibilità per gli Stati membri di limitare o vietare la coltivazione degli OGM sul loro territorio del 13 luglio 2010. La proposta – scrive la coalizione – apre la strada per una diversa prospettiva di lavoro: attraverso l’inserimento di un nuovo articolo della direttiva quadro in materia, si consente agli Stati di limitare o vietare la coltivazione degli OGM autorizzati in tutto il loro territorio a prescindere dalla invocazione della clausola di salvaguardia.

La proposta di regolamento, una volta approvata, come espressamente precisato "non contiene nella sostanza nessuna disposizione che richieda attuazione", sicché ciò che si chiede è semplicemente di aderire alla scelta indicata, nell’ambito della sussidiarietà, al fine di escludere qualsiasi rischio di compromissione genetica e di valorizzare l’identità del nostro patrimonio agroalimentare.

La coalizione chiede, in conclusione, che venga abbandonata l’ipotesi di lavorare su norme di coesistenza e che venga, invece, deliberata la proposta di un’Italia libera da OGM.

Comments are closed.