OGM. Ue vota su barbabietola, AIAB: necessaria coalizione per tutelare prodotti di qualità

Ieri a Bruxelles si è votato – senza tuttavia raggiungere un accordo – per l’autorizzazione di una varietà transgenica di barbabietola da zucchero (denominata H7-1 e prodotta dalla tedesca Kws Saat Ag in associazione con la Monsanto). L’attenzione era puntata non sulla coltivazione di questo tipo di barbabietola ma solo sulla sua trasformazione industriale per la produzione di zucchero e sciroppi. Sebbene i Ministri Ue della Giustizia o degli Affari interni si siano espressi con il voto contrario dell’Italia, la questione ritornerà in mano alla Commissione Europea visto che non è stata raggiunta la maggioranza qualificata richiesta né a favore né contro l’autorizzazione.

L’AIAB commenta l’accaduto esprimendo il timore che la Commissione Europea conceda l’autorizzazione senza ulteriori passaggi politici, visto che ne ha il potere e che già in passato si è più volte pronunciata a favore degli Ogm.

"La Comunità Europea continua a seguire la propria agenda, nonostante l’evidente disinteresse del mercato e soprattutto dei consumatori nei confronti dei prodotti Ogm – spiega Andrea Ferrante – È necessario lavorare per una nuova alleanza europea che porti a una maggioranza qualificata in grado di respingere i costanti attacchi all’agroalimentare di qualità".

Il presidente conclude il suo commento invitando i cittadini a sostenere la Consultazione Nazionale sugli Ogm (lanciata dalla Coalizione ItaliaEuropa Liberi da OGM) che, a suo giudizio, dovrebbe essere estesa a livello europeo per incrementare la coalizione tra produttori, ambientalisti e consumatori.

Comments are closed.