OGM. Zaia annuncia ricorso contro sentenza Consiglio di Stato

Il Consiglio di Stato si è espresso nei giorni scorsi a favore della coltivazione Ogm in Italia. Ieri il mistro Luca Zaia ha annunciato un ricorso per annullare la sentenza. "L’iniziativa del Ministro Zaia è giusta, è una battaglia di civiltà per la tutela di consumatori e produttori" commenta Roberto Burdese, Presidente di Slow Food Italia.

"Il pronunciamento del Consiglio di Stato sul ricorso di un agricoltore friulano non solo non prende in considerazione la situazione dell’agricoltura italiana, dove l’introduzione degli ogm comporterebbe un danno economico, rendendola molto meno remunerativa di quello che è ora (e la situazione è già abbastanza grave), ma potrebbe aprire una strada senza ritorno. La posizione di Slow Food, lungi dall’essere, come qualcuno insiste a sostenere, oscurantistica o ideologica, risponde alle richieste della maggioranza dei coltivatori e dei cittadini che, alla luce delle informazioni che il mondo scientifico ci consegna in materia di sicurezza alimentare e ambientale e in materia di contaminazione, ritengono non opportuno coltivare e consumare prodotti gm" spiega il Presidente.

"È fondamentale che si continui a lavorare sulle linee guida per la coesistenza, che identificano con chiarezza i margini di rischio e i metodi per gestirlo. Oggi la scienza non ha ancora dato strumenti che garantiscano dalla contaminazione i prodotti da agricoltura convenzionale e biologica – conclude Roberto Burdese – Non vogliamo fermare la ricerca che in laboratorio si sta effettuando, ma vogliamo salvaguardare coloro che non vogliono, e sono la maggioranza, coltivare e consumare prodotti gm. Dovrebbero prevalere la cautela e la tutela del bene comune che ha nella biodiversità un suo elemento fondamentale".

Comments are closed.