OSSERVATORIO. Al via le nuove tariffe sul roaming internazionale

E’ già arrivato luglio e le ferie sono sempre più vicine. Che andiate al mare o in montagna, rimaniate in città o vi rilassiate in campagna, non volete isolarvi dal resto del mondo, perché due settimane di disinformazione possono voler dire tanto. Ed è per questo che siete gli orgogliosi possessori di uno smartphone, che tra le mille opzioni che ha manca solo che vi faccia il caffè. Ed è per questo che decidete di fare un confronto tra le offerte sulla chiavetta internet per trovare la soluzione migliore che vi faccia compagnia durante le ferie.

Sono entrate in vigore dal 1 Luglio le nuove tariffe per il roaming internazionale volute dalla Commissione europea. Le nuove regole sul roaming internazionale permetteranno ai consumatori di ridurre le proprie bollette fino al 60%, sia per quanto riguarda le telefonate effettuate e ricevute, sia per quel che riguarda la navigazione internet da cellulare.

Le nuove regole permetteranno inoltre di effettuare chiamate ad un costo massimo di 39 centesimi al minuto Iva esclusa, contro i 43 centesimi previsti dalla legge precedente. Sarà meno caro anche ricevere telefonate, con un limite fissato a 15 centesimi, contro i 19 in vigore fino al 30 di giugno. Ottime notizie anche per quanto riguarda il traffico dati. Infatti, oltre al taglio delle tariffe, che scendono ad 80 centesimi al megabyte, le compagnie saranno obbligate ad avvertire gli utenti che sfonderanno il tetto dei 50 euro di traffico effettuato, impedendo così che turisti e persone che viaggiano per lavoro ricevano bollette inattese con cifre spropositate. La normativa stabilisce che il consumatore potrà avere la facoltà di stabilire un tetto personalizzato oltre il quale il servizio verrà disabilitato, altrimenti l’UE ha stabilito, come detto, un tetto massimo di 50 euro.

Sono misure atte a favorire la trasparenza dei costi applicati, cosa che spesso non veniva rispettata. La commissione ha stabilito che gli operatori si sarebbero dovuti adeguare alla normativa entro marzo del 2010, creando tariffe ad hoc che rispettassero le regole e permettessero ai clienti di essere sempre al corrente del credito consumato in roaming. E questo probabilmente sarà utile in due maniere. Primo, garantirà una forma di trasparenza da parte dei vari provider mobile. Secondo, darà agli utenti all’estero la possibilità di lasciare una fetta di dati libera per eventuali emergenze.

Gli operatori nostrani si sono adeguati con alcune tariffe cellulari sfornate per l’occasione. Vediamo quelle dei maggiori operatori confrontanti da Suoermoney. Tim propone Maxxi Alice Senza Confini con 50 mb giornalieri a disposizione per il costo di 15 euro addebitati giornalmente, solo nel caso che venga effettuata una connessione. L’attivazione è gratuita e ha una durata di tre mesi, valida sia per i clienti con abbonamento e i clienti con prepagata. Vodafone propone Daily Travel Tariff con 50 mb giornalieri a disposizione per il costo di 15 euro ( 30 euro per i Paesi extraeuropei) addebitati giornalmente, solo nel caso venga effettuata una connessione. L’attivazione è già prevista sulle carte sim attivate dopo il 10 gennaio 2010 mentre su quelle attivate in precedenza può essere attivata direttamente e gratuitamente online o in un centro Vodafone. L’operatore ha pensato anche a coloro che soggiornano per poco tempo in un Paese straniero con Weeky Travel Tariff. La promozione è attivabile gratuitamente e dura 7 giorni a partire dall’attivazione.

Alla prima connessione verranno addebitati 15 euro, le successive connessioni non verranno addebitate a meno che lo scambio dati non superi i 10 mb. Wind propone Roaming no Limit che con un costo di attivazione di 3 euro permette di navigare per un mese a 0,3 cent di euro al kb ricevuto. L’opzione ha validità mensile e non si rinnova automaticamente alla scadenza, può essere attivata online, tramite l’155 o con sms. H3G propone la Tariffa Roaming che permette di navigare a 2 euro al mb ricevuto. Per potersi connettere dall’estero attraverso il roaming internazionale è necessario avere un pc, è possibile utilizzare il proprio telefonino come modem o una chiavetta usb dell’operatore che si sceglie. Prima di recarsi all’estero è bene avere chiaro l’utilizzo che si andrà a fare della connessione internet, in modo da scegliere l’operatore che più risponde alle proprie esigenze.

‘La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il link di riferimento alla fonte Help Consumatori e il link al sito Supermoney.eu’

Comments are closed.