OSSERVATORIO. Arrivo in Italia dei veicoli a zero emissioni

Porre le tariffe luce e gas dei vari operatori a confronto è l’arma principale a disposizione dei consumatori per diminuire le spese di casa. Adottare risorse rinnovabili è la soluzione più impattante, quella in grado di apportare un mutamento radicale al modo di pensare i consumi da parte di un intero nucleo famigliare. Ma si può fare ancora di più, d’altronde l’innovazione nel settore energie è davvero inarrestabile.

É stata presentata al Motor Show 2010 della Fiera di Bologna, Electric City, la “cittadella dell’elettrico” dove sono state esposte auto elettriche e scooter a zero emissioni che vedremo sul mercato probabilmente già a partire dal 2011. In Italia fino ad ora solo alcuni Comuni si sono impegnati per la realizzazione di progetti di sviluppo per sostenere l’utilizzo di veicoli a zero emissioni, con esempi interessanti come e-Mobility a Roma, Milano e Pisa, e l’E-moving stipulato a Milano e Brescia fra A2A, Renault e gli enti comunali. Ora per la prima volta in Italia verrà sottoscritto un accordo da un’amministrazione regionale, quella dell’Emilia Romagna, e l’Enel, finalizzato alla realizzazione di una serie di infrastrutture per la ricarica dei veicoli elettrici.

Insieme all’attuale panorama della mobilità a zero emissioni sono state presentate nell’edizione 2010 del Motor Show le novità del mercato da parte di numerose case automobilistiche tra le quali Audi, Citroen, Fiat, Peugeot, Nissan, Opel.

I prezzi di questa tecnologia? In Giappone la nuova Nissan Leaf verrà venduta dal 20 dicembre a partire da 34.000 euro; mentre in Italia presto vedremo l’auto Zero Special Edition di Tazzari, commercializzata a partire da gennaio 2011 a 21.990 euro, e Opel Ampera, prima auto elettrica range exteded (con autonomia maggiore rispetto ad altri veicoli “zero emissioni”), che sarà in vendita per l’autunno 2011 a 42.900 euro. L’auto elettrica rappresenta anche una bella novità per l’ambiente, che gioverà di una riduzione di gas tossici nell’atmosfera.

Certo acquistare un’auto elettrica implica anche sostenere dei costi importanti, spesso per potersi permettere simili soluzioni innovative è necessario richiedere un prestito: ad esempio il sistema di confronto prestiti auto del portale Supermoney permette di valutare l’offerta più conveniente tra quelle presenti sul mercato. Se si prevede di acquistare presto un veicolo elettrico si può inoltre consultare la sezione delle assicurazioni auto di Supermoney, in modo da optare per la polizza auto più si adatta alle proprie esigenze.

‘La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il link di riferimento alla fonte Help Consumatori e il link al sito Supermoney.eu’

 

Comments are closed.