OSSERVATORIO. Assicurazioni auto, gli italiani si fidano poco

Scegliere la giusta polizza Rca è un’operazione complessa, tanto più che in Italia il lievitare dei premi assicurativi rende questi prodotti quasi inaccessibili per i consumatori. Per trovare una soluzione conveniente, tuttavia, è bene sapere che dal confronto delle migliori assicurazioni auto del momento emergerà senz’altro una soluzione competitiva ed al contempo adeguata alle esigenze di ciascuno.

I dati presentati nel corso dell’Italian Axa Forum 2010 e relativi ad una ricerca svolta da Gpf rivelano che continuano gli aumenti sulle assicurazioni auto a causa dell’alto numero dei sinistri e gli italiani iniziano a perdere fiducia nelle compagnie. Più di sette italiani su dieci hanno perso la piena fiducia nelle compagnie assicuratrici. L’appuntamento, che si rinnova tutti gli anni permette di fermarsi a riflettere su come il comparto assicurativo influisca su tutta l’economia del nostro Paese e sull’opinione degli italiani in merito a tale ambito.

Certo è che la crisi finanziaria ha accentuato la centralità del rapporto tra l’assicurato e la compagnia assicurativa; se fino a poco tempo fa si credeva che le compagnie online fossero avvantaggiate per i bassi costi proposti, ora si può tranquillamente affermare che spesso la scelta ricade sulle compagnie tradizionali solo per una questione di fiducia. Risulta decisivo il contatto instaurato tra le parti per la vendita dell’assicurazione auto, per il 43% degli intervistati; un’alta percentuale che porta gli operatori a riflettere sulle soluzioni al problema.

La bravura dell’intermediario fa gran parte del lavoro; a quanto pare in primis c’è il nome della compagnia ma subito dopo la disponibilità e la cortesia dell’operatore. Cresce anche la consapevolezza che assicurarsi è un buon modo per stare tranquilli. Sono più della metà quelli che dichiarano di avere un altro contratto assicurativo oltre all’rc auto. Dal canto loro le compagnie vorrebbero riconquistare la fiducia dei clienti persa probabilmente a causa dei forti aumenti nel settore delle polizze auto. I rincari in un settore così esposto alle critiche non sono certo una buona pubblicità per le compagnie sia tradizionali che online.

Aumenti nel settore dovuti all’alto numero di sinistri registrati negli ultimi anni. Ania e Isvap corrono ai ripari e lanciano finalmente, a partire da Gennaio, la Banca Dati Sinistri che avrà il compito di controllare e immagazzinare tutte le informazioni sui clienti più indisciplinati. Inoltre sembrerebbe necessario un aumento della concorrenza tra gli operatori del settore per riconquistare la fiducia dei consumatori a partire dalla qualità del servizio fino ad arrivare alla vicinanza ai clienti nei tempi, nei modi e nei linguaggi. Occorre inoltre accrescere, da una parte, la fiducia nelle assicurazioni come istituzioni e, dall’altra, la consapevolezza soprattutto dei giovani nella necessità di garantirsi una copertura. Un incontro questo, che permette agli operatori del settore di chiarirsi le idee, di confrontarsi e di capire come si muove il mercato delle assicurazioni auto.

‘La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il link di riferimento alla fonte Help Consumatori e il link al sito Supermoney.eu’

 

 

 

 

Comments are closed.