OSSERVATORIO. Boom fotovoltaico su edifici comunali: +115% nel 2010

Le nuove frontiere del risparmio energetico si fanno sempre meno nuove e sempre più concrete; il rinnovabile mette le ali e conquista quote di mercato. In un momento in cui i costi delle fonti tradizionali lievitano e gli italiani necessitano di strumenti per abbattere le spese, investire sulle energie alternative assume una prospettiva più tangibile. Parallelamente, i consumatori consultano sempre più spesso i siti che permettono di confrontare le tariffe dell’energia elettrica per individuare l’operatore più conveniente e modificano la propria propensione al consumo. La lotta agli sprechi si articola su più fronti, quindi, e siamo solo all’inizio.

Buone notizie sul fronte delle energie rinnovabili. L’Istat ha recentemente reso noti gli Indicatori ambientali urbani riferiti al 2010, che rispetto al 2009 mostrano un aumento del 114,9% della potenza media di fotovoltaico installato sugli edifici comunali. Dati che confermano una tendenza globale sempre più accentuata verso lo sfruttamento sano delle risorse rinnovabili nel mondo.

Stando ai dati dell’Istituto di statistica, la potenza media dei pannelli solari sugli edifici comunali è “arrivata nel 2010 a 1,1 kilowatt ogni 1.000 abitanti”, registrando un incremento boom. Nello stesso tempo si registra una “leggera diminuzione”, pari allo 0,3%, per l’energia elettrica per uso domestico; al contrario, sono aumentati del 4,7% i consumi pro-capite di gas per casa e riscaldamento rispetto all’anno precedente.

Gli ottimi risultati raggiunti dal fotovoltaico sugli edifici pubblici potrebbero spingere anche i privati ad investire maggiormente in queste tecnologie. Il vantaggio, oltre che ambientale, sarebbe economico, con una riduzione delle bollette energetiche. Nel frattempo, per tagliare i costi, i consumatori possono scegliere le tariffe di luce e gas migliori tra quelle presenti sul libero mercato, aiutandosi con il servizio di confronto di SuperMoney, che mostra le offerte di numerose operatori tra cui Enel Energia, Edison, Eni e tanti altri.

‘La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il link di riferimento alla fonte Help Consumatori e il link al sito Supermoney.eu’

Comments are closed.