OSSERVATORIO. Casa: calano i prezzi e si allungano i tempi di vendita

In un periodo di crisi come quello attuale, è difficile pensare di avere dei risparmi da parte che ci permettano di investirli ad esempio nell’acquisto di una casa. Ma, come si dice ogni tanto, piove sempre sul bagnato e qualcuno questa possibilità ce l’ha, ma non avendo a disposizione la liquidità completa per comprare un immobile decide di chiedere un finanziamento, sincerandosi però, mettendo i migliori mutui a confronto, di poter avere accesso al prodotto più vantaggioso.

Nel primo semestre 2011 le quotazioni degli immobili hanno continuato a calare in tutta Italia: a risentire di più della crisi, in base ad uno studio condotto dalla società specializzata Gabetti, sono le regioni del Sud (-5,7%) e del centro Italia (-3%), mentre a nord si registra una flessione minore (-1,8%). Le città più penalizzate sono Firenze e Bologna, dove la contrazione dei prezzi ha toccato il 5%. A Roma, nei primi sei mesi dell’anno, i prezzi sono scesi dell’1% dopo contrazioni in tutti i quattro semestri precedenti, mentre a Milano i prezzi sarebbero rimasti invariati rispetto a fine 2010. Oltre a questo, qualche giorno fa si parlava del fatto che le richieste di mutui nei primi otto mesi del 2011 abbiamo subito un calo del 10%

Un’altra conseguenza della recessione economica che ha investito gli italiani è l’allungamento dei tempi di vendita: in media, nelle grandi città, sono necessari circa 6 mesi per concludere un affare immobiliare, ma si assiste a una tendenza all’aumento soprattutto per le soluzioni di minore qualità, in zone più periferiche. Il fenomeno è ancora più marcato nei capoluoghi minori, dove i tempi medi di vendita possono toccare anche i 7-8 mesi.

Tra gli elementi che penalizzano il settore immobiliare c’è la difficoltà, per molti italiani, di ottenere mutui casa per finanziare il proprio investimento. Sul mercato esistono però numerose soluzioni, adatte alle più svariate esigenze: con l’aiuto del servizio di confronto mutui casa di SuperMoney, è possibile confrontare i mutui online offerti da 40 banche e selezionare l’opzione più vantaggiosa. Per un mutuo prima casa di 120 mila euro (valore immobile 180 mila euro), da restituire in 25 anni, l’opzione migliore è Mutuo Arancio di ING Direct a tasso variabile, che ha un taeg del 2,76% e una rata mensile di 551 euro; al secondo posto c’è mutuo IWBank a 573 euro mensili (taeg 3,13%) e al numero tre c’è mutuo CheBanca!, con una rata di 582 euro al mese (taeg 3,36%).

‘La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il link di riferimento alla fonte Help Consumatori e il link al sito Supermoney.eu’

Comments are closed.