OSSERVATORIO. Come ottenere detrazioni fiscali risparmiando energia

Tra i migliori metodi per risparmiare sulla bolletta di luce e riscaldamento c’è sicuramente l’opzione di una tariffa personalizzata per le proprie esigenze, scelta confrontando le tariffe per l’energia elettrica o il gas direttamente online, oltre alla possibilità di modificare le proprie abitudini in funzione di una maggiore consapevolezza sui consumi e, nel migliore dei casi, la ristrutturazione della propria abitazione con strutture che permettano il risparmio energetico.

Sono ormai molte le case di ultima generazione che prevedono la possibilità di risparmiare e produrre energia pulita attraverso i pannelli solari. Come fare a risparmiare se la casa in cui viviamo non è nuova e nemmeno di ultima generazione? Semplice: gli ultimi due governi hanno previsto la possibilità di effettuare lavori di ristrutturazione alla propria abitazione godendo delle detrazioni fiscali previste dal Decreto 2010/31 dell’Ue.

Tali detrazioni possono essere al 36% o al 55%, la loro applicazione dipende dagli interventi che si sono effettuati. Generalmente le detrazioni del 55% sono quelle applicate agli interventi volti al risparmio energetico, inoltre tali detrazioni permettono di godere di un tetto di detraibilità fino a 181 mila euro e di ottenere il rimborso in 5 rate annuali invece che 10 come per le detrazioni al 36%.

Le opere per il risparmio energetico che il cliente potrà effettuare per migliorare la propria abitazione sono di natura strutturale come la ristrutturazione del tetto; per la produzione di energia come l’installazione di pannelli solari o l’installazione di una caldaia a condensazione; per evitare la dispersione di calore, come la sostituzione degli infissi interni ed esterni.

Il consumatore dovrà corrispondere l’importo all’impresa che ha effettuato i lavori, compilare i moduli online ed inviare tutta la documentazione necessaria a Enea (Agenzia Nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico e sostenibile), che provvederà a valutarle e in caso positivo ordinerà il rimborso attraverso le dichiarazioni dei redditi. Prima di inviare tutta la documentazione sarà necessario richiedere la valutazione tecnica di un esperto che avrà il compito di attestare il reale risparmio energetico ottenibile attraverso le migliorie apportate.

Risparmiare energia è possibile non solo effettuando interventi tecnici e di ristrutturazione dell’abitazione ma anche attraverso un uso consapevole dell’energia stessa; sia per quel che riguarda il riscaldamento sia per quel che riguarda l’energia elettrica. Scegliere una tariffa che permetta di risparmiare sui costi e sugli impianti è un buon punto di partenza. Per questo si consiglia di effettuare un confronto tra le migliori tariffe presenti sul mercato dell’energia attraverso il sistema di comparazione di Supermoney.eu.

È necessario affrettarsi perché le richieste per le detrazioni del 55% non potranno essere presentate oltre il 31 dicembre 2010, mentre quelle per le detrazioni del 36% saranno presentabili fino al 2012.

 

Comments are closed.