OSSERVATORIO. Findomestic: crolla la fiducia degli italiani sulla situazione del Paese

In un momento di stasi economica, deflazione e crisi del mondo del lavoro sono in tanti a sentire la necessità di ricorrere ad un prestito per effettuare acquisti importanti o affrontare delle spese mediche. In queste circostanze, informarsi sulle opportunità offerte dai vari istituti di credito è la soluzione migliore per effettuare una scelta consapevole e vantaggiosa per le nostre tasche. In tal senso possiamo mettere i prestiti più convenienti a confronto così da individuare il più adeguato per le nostre necessità personali.

 

Chi ha necessità di acquistare una nuova quattro ruote, ad esempio, può farlo con l’aiuto di un prestito ad hoc: con l’aiuto del servizio di confronto prestiti di SuperMoney, l’unico portale della comparazione accreditato da Agcom, è possibile valutare quali sono i finanziamenti migliori per l’auto.

 

Ipotizziamo di voler richiedere 12 mila euro restituibili in 6 anni: l’offerta più vantaggiosa è la cessione del quinto Rata Bassotta di IBL Banca, dedicata ai dipendenti pubblici o statali, che ha una rata di 208 euro al mese (taeg 7,79%); per i lavoratori di aziende private la scelta migliore è Prestito Findomestic, a 213 euro al mese (taeg 8,78%). Altri prestiti interessanti per l’acquisto dell’auto, o per far fronte ad altre necessità, sono Prestito Contante di Unicredit, Prestito Personale di Neos Finance, Gran Prestito Auto di Cariparma e i prestiti offerti da Agos, come Duttilio.

 

Secondo l’Osservatorio Findomestic di settembre, in questo momento gli italiani sono particolarmente pessimisti sul futuro del Paese: in una scala da 1 a 10 in cui 7 è la soglia positiva, il livello medio dei consumatori è il 4. Si tratta del dato peggiore registrato dall’inizio della rilevazione (ottobre 2007).

 

Il report Findomestic sottolinea che “parte delle interviste sono state condotte prima delle notizie negative della borsa”, pertanto “il dato ad oggi potrebbe essere ancora più negativo”. A perdere fiducia è soprattutto il target di istruzione elevata, che fino a questo momento si era dimostrato più positivo. A livello regionale, il Nord si conferma la zona più ottimista, mentre Sud, Centro e Isole presentano valori in netto calo e decisamente inferiori alla media nazionale.

 

Per il terzo mese consecutivo risulta in calo anche la fiducia sulla situazione del Paese nei prossimi 12 mesi: anche in questo caso, il dato rilevato è il più basso di sempre. Diminuisce, infine, anche la propensione al risparmio degli italiani.

 

Qual è l’impatto di questa diffusa negatività sulle intenzioni d’acquisto dei consumatori per i prossimi tre mesi? Il settore tempo libero cola a picco, così come cala la telefonia e le previsioni d’acquisto per la casa e i mobili. Il settore auto resta sostanzialmente stabile (in lievissima crescita), con una previsione massima di spesa che si attesta a 16.207 euro (in crescita di 1300 euro rispetto al mese di luglio).

 

‘La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il link di riferimento alla fonte Help Consumatori e il link al sito Supermoney.eu’

Comments are closed.