OSSERVATORIO. Fuga di capitali: i risparmiatori temono patrimoniale e mettono al sicuro i soldi

Diffidare è il modo migliore per tutelarsi. Anche per quanto riguarda i conti correnti, ad esempio, uno degli strumenti preferito dagli italiani per mettere da parte una buona percentuale dello stipendio, bisogna stare in guardia. Prima di stipulare un contratto, infatti, è sempre bene fare un confronto tra i conti correnti disponibili online, leggere attentamente tutte le clausole contrattuali e informarsi quotidianamente sullo scenario economico del Paese.

La diffidenza non è casuale, poiché gli ultimi dati diffusi dalla Banca d’Italia e ripresi da MF mostrano che tra il luglio 2010 e giugno 2011 banche e fondi comuni hanno “perso” oltre 140 miliardi di euro, di cui quasi 25 miliardi sono scomparsi dai conti correnti. Sembrerebbe trattarsi di una vera e propria fuga di capitali, provocata dall’incertezza del mercato finanziario. Gli italiani temono l’eventualità di una tassa patrimoniale aggiuntiva che gravi sui conti correnti bancari.

Il pensiero torna al provvedimento approvato nella notte tra il 9 e il 10 luglio 1992 dal Governo guidato da Giuliano Amato, che autorizzò con un decreto di emergenza un prelievo forzoso del 6 per mille su tutti i conti correnti, volto ad impedire il tracollo finanziario dell’Italia che in quel periodo era nel mirino degli speculatori. I risparmiatori hanno paura che la storia possa ripetersi e corrono ai ripari, prelevando dalle banche i propri averi.

Per chi preferisce un’alternativa al classico conto corrente, o uno strumento in più per mettere da parte i propri soldi, è possibile puntare su un conto deposito, un prodotto che permette di mantenere la liquidità depositata in banca e di ottenere rendimenti anche superiori all’inflazione. Per trovare i conti deposito più interessanti sul mercato è possibile utilizzare il servizio di SuperMoney, che offre una panoramica dei depositi offerti da numerose banche e permette di trovare la soluzione migliore in base alle proprie esigenze.

‘La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il link di riferimento alla fonte Help Consumatori e il link al sito Supermoney.eu’

Comments are closed.