OSSERVATORIO. L’80% degli italiani ha una casa di proprietà: i mutui migliori per l’acquisto

I soldi non fanno la felicità delle persone, è vero, ma di certo aiutano. Pensare di non avere problemi a sostenere le rate del mutuo è un cruccio che investe molti italiani. Ma non si riesce a rinunciare ad avere una casa di proprietà, perché è sicuramente meglio che rimanere affittuari a vita. Per cercare di trovare il finanziamento meno oneroso, quindi, è consigliabile mettere i mutui dei migliori istituti bancari a confronto in modo da avere una panoramica completa di cosa offre il mercato.

E per la grande maggioranza degli italiani la casa è un bene irrinunciabile: stando alla “mappa abitativa” realizzata dall’Agenzia del Territorio e dal Dipartimento delle Finanze, il 79,1% delle famiglie è proprietaria della casa in cui abita. Questa percentuale arriva all’85% nel Sud Italia, mentre a Nord scende al 75,6%.

Il rapporto, basato sulle informazioni ottenute incrociando le ultime dichiarazioni dei redditi con i dati del catasto, mostra che gli abitanti del Bel Paese amano le case spaziose: l’abitazione tipo, in Italia, è grande circa 115 metri quadrati e in media ogni persona ha a disposizione 60 metri quadrati.

Nessuna sorpresa sull’identikit dei proprietari di casa: appena il 4% ha meno di 30 anni, segno che l’acquisto della casa è ancora un privilegio per chi ha una situazione economica stabile e i trentenni, di questi tempi, possono raramente contare sul posto fisso e su rendite sufficienti ad investire nel mattone.

Stando agli ultimi dati diffusi da Istat, il 16,1% di chi ha una casa di proprietà è alle prese con il mutuo. Si tratta di circa 2 milioni 947 mila famiglie, che pagano in media 494 euro al mese, con un picco nel Centro Italia dove si arriva ad una media mensile di 515 euro. Per valutare quali sono i mutui più convenienti per acquistare la prima casa è possibile utilizzare il servizio di SuperMoney per il confronto di mutui online, che offre una panoramica sui finanziamenti più vantaggiosi a tasso fisso, variabile e misto. Ipotizziamo, per esempio, di voler richiedere un mutuo prima casa ventennale di 100 mila euro (valore immobile 150 mila): l’opzione più vantaggiosa è Mutuo Arancio di ING Direct. Scegliendo il tasso variabile, il taeg è del 2,69% e la rata iniziale di 536 euro; optando per il tasso fisso il taeg sale al 5,10% e la rata è pari a 658 euro al mese.

‘La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il link di riferimento alla fonte Help Consumatori e il link al sito Supermoney.eu’

Comments are closed.