OSSERVATORIO. Mutui a tassi convenienti per tutto il 2010

Sarebbe bello pensare di vivere in un mondo in cui nessuno ha problemi di soldi e tutti sono disponibili ad aiutare il proprio prossimo solo perché fa parte dell’indole umana, e non perché si pensa di ricevere qualcosa in cambio in un futuro. Ma purtroppo non è così e i problemi ci sono, quindi quando ad esempio si vuole diventare proprietari di una casa non sempre si ha abbastanza liquidità per sostenere la spesa al completo. Per questo motivo esistono i finanziamenti, e se si vuole fare una scelta ponderata è consigliabile fare un confronto tra le possibilità di mutuo offerte dai migliori istituti di credito, in modo da non avere sorprese ed essere preparati.

Sicuramente le persone sanno che esistono una serie di differenze tra i mutui a tasso fisso, quelli a tasso variabile, che esiste poi la surroga eccetera eccetera. Proprio qualche giorno fa parlavamo del fatto che le possibilità sono tante e che non esiste un mutuo ottimale per tutti, perché ognuno ha le proprie esigenze individuali e specifiche.

Né buone né cattive notizie arrivano per i consumatori dai mercati internazionali. L’Euribor a tre mesi, il tasso applicato ai mutui casa a tasso variabile, è arrivato all’1%. Record imbattuto per tutto il 2010, almeno fino ad ora. Nelle quotazioni di ieri l’Euribor ha raggiunto lo 0,99%; una crescita repentina se si pensa che solo in primavera aveva raggiunto il minimo storico, ovvero lo 0,63%. Inoltre, nella stessa nella seduta, l’Euribor a un mese è rimasto fermo allo 0,77%, quello a 6 mesi si è portato all’1,21%, mentre quello a 1 anno è quotato all’1,48%. Gli esperti lo avevano annunciato qualche settimana fa che il tasso d’interesse dei mutui a tasso variabile sarebbe salito. I consumatori dal canto loro devono preoccuparsi ma non troppo dal momento che il costo del denaro continua a stare sotto il livello minimo. Un livello che si era registrato in Italia solo nel dopoguerra e mai più visto. Inoltre i prossimi incontri delle Banca Centrale Europea non prevedono nell’o.d.g. la possibilità di un aumento del tasso ad essa collegato, che rimarrà fissato all’1% ( valore stabilito il 7 maggio del 2009 ).

Gli aumenti sull’Euribor hanno preso avvio quest’estate, durante la quale, l’indice ha avuto un lieve ma costante aumento. In ogni caso le previsioni ci dicono che gli aumenti dovrebbero arrestarsi per tutto il 2010 per poi riprendere nel corso del 2011 e del 2012, fino ad arrivare addirittura al 3%. Fino ad allora le famiglie italiane, che se lo possono permettere, potrebbero prendere in considerazione la possibilità’ di investire nel mattone. Certo è che questo è davvero il momento giusto per acquistare una casa e accendere un mutuo. I prezzi delle abitazioni sono in discesa e i tassi d’interesse sono davvero favorevoli. Tasso fisso e tasso variabile ai minimi storici da qualche tempo permettono di dormire sonni tranquilli e realizzare il sogno di una vita: comprare la propria casa. Inoltre grazie al Decreto Bersani, tutti gli italiani che avessero acceso un mutuo che non risulta più così conveniente, possono utilizzare la surroga; ovvero la possibilità di trasferire il mutuo da una banca ad un’altra senza alcuna spesa bancaria e notarile favorendo la concorrenza tra banche. Sempre più famiglie hanno deciso di sostituirlo per migliorare le condizioni generali del contratto o per sfruttare le situazioni del mercato, prestando attenzione all’andamento dei tassi. Naturalmente prima di scegliere un mutuo casa è sempre bene valutare le proprie capacità di spesa e effettuare un confronto mirato tra le diverse possibilità offerte dal mercato bancario tradizionale e online.

‘La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il link di riferimento alla fonte Help Consumatori e il link al sito Supermoney.eu’

Comments are closed.