OSSERVATORIO. Mutui e credito al dettaglio nel 2010 per Assofin, CRIF e Prometeia

Da quando è iniziata la crisi un anno fa c’è chi se la passa male, e chi peggio. Ma bisogna sempre pensare positivo e vedere il bicchiere mezzo pieno, perché se no è tutto inutile. Quindi se è da tempo che stavate pensando di mettere su casa, è arrivato il momento di farvi un piccolo regalo e di prendersi del tempo per mettere i mutui delle migliori banche a confronto, in modo da poter pensare a qualcosa di diverso dalla crisi economica che ci sta investendo.

Sebbene il settore del credito continui ad essere segnato da una certa fragilità a causa della debolezza reddituale delle famiglie e l’elevato livello di disoccupazione, i mutui sono in ripresa, fatto dovuto anche al Piano Casa e agli incentivi statali di cui parlavamo qualche giorno fa. É quanto emerge dalla 29° edizione dell’Osservatorio sul Credito al Dettaglio realizzato da Assofin, CRIF e Prometeia sulla condizione del credito al dettaglio in Italia nel 2010.

Il mercato dei crediti ha mostrato un miglioramento nel settore dei mutui, dato che nelle condizioni generali di incertezza l’investimento più sicuro è considerata ancora la casa. L’ISTAT lo scorso mese aveva segnalato un incremento del 11,1% nel primo trimestre; per Assofin, CRIF e Prometeia le erogazioni di mutui sono salite a +12,1% nei primi tre mesi del 2010, fino ad arrivare a +14,6% nei primi nove mesi del 2010.

In particolare si è registrato un aumento dei mutui di surroga e sostituzione, e per ristrutturazione e costruzione, pari al +17,1% nei primi nove mesi del 2010, e che nei primi mesi del 2010 hanno coperto circa un terzo dei volumi totali erogati.

Si attesta anche una maggiore tendenza a stipulare mutui con importi più alti, compresi tra 101.000 e 200.000 euro, e di durata superiore a 26 anni.

Per quanto riguarda il credito al consumo nei primi tre mesi del 2010, il mercato risultava in contrazione del 4,8% rispetto allo stesso periodo del 2009, con un trend complessivo di riduzione delle erogazioni di -5,1% nei primi nove mesi 2010. In particolare i finanziamenti finalizzati all’acquisto di autoveicoli e motocicli, mostrano un flusso per l’erogazione del credito aggiornato a settembre 2010 di -10,2%; i prestiti personali registrano -2,1% nel primo semestre 2010, riducendo il calo a -0,3% a settembre 2010; i volumi per i finanziamenti per l’acquisto di altri beni quali elettronica, elettrodomestici e viaggi sono invece in miglioramento, con una crescita nei primi nove mesi del 2010 del 1,4%.

A causa della fragilità del settore occupazionale e della scarsa ripresa economico-finanziaria del mercato le prospettive di un netto miglioramento del bilancio delle famiglie italiane sono basse.

Per un’espansione del mercato dei crediti secondo l’indagine dell’Osservatorio bisognerà attendere il 2011-2012, con presunti volumi pari al +2,6% nel 2011 e al +4,5% nel 2012, e di +6,8% nel 2011 e al +4,2% nel 2012 per le consistenze legate al comparto dei mutui.

Per conoscere i migliori mutui per le proprie esigenze e in linea con il proprio reddito familiare, è possibile effettuare un confronto sui mutui sul portale Supermoney.

‘La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il link di riferimento alla fonte Help Consumatori e il link al sito Supermoney.eu’

Comments are closed.