OSSERVATORIO. Mutui, il tasso variabile al momento conviene

Buone notizie per chi desidera sottoscrivere un nuovo prestito ipotecario o per chi vorrebbe cambiare le condizioni del proprio mutuo: il valore dei tassi offerti attualmente sono al minimo. Se nel 2008 i fissi toccavano il 5,20% a 5 anni, oggi gli indici Eurirs, su cui si calcolano le rate dei mutui a tasso fisso, segnano 2,31% a 5 anni, e l’Euribor, parametro per la definizione del tasso d’interesse variabile, tocca i minimi storici. Dunque è il momento ideale per valutare un finanziamento, magari previo consulto di uno dei portali online per confrontare i mutui a tasso fisso esistenti sul mercato per trovare il più adatto a voi.

Sarà anche per questa ragione che le richieste di mutui, specialmente quelli sulla prima casa, sono in aumento. Una ventata di ottimismo per due settori in crisi nera come quello del mercato creditizio e quello immobiliare, con la speranza che tariffe e tassi convenienti possano dare nuova linfa a entrambi, facendoli tornare a essere locomotive importanti dell’economia italiana.

Attualmente la differenza tra mutuo fisso e variabile è del 1,9% in meno per il variabile, un’occasione che permette di risparmiare se non si è soddisfatti delle condizioni a cui si è stipulato il mutuo e quindi valutare l’opzione di rinegoziarle con la propria banca o avvalersi della surroga con un altro istituto.

Abbiamo quindi voluto conoscere tramite un confronto mutui su Supermoney, quali sono le proposte di mutuo più convenienti sia sul fronte tasso variabile sia del fisso per un profilo definito.
Per un 35enne con un lavoro a tempo indeterminato, che desidera sottoscrivere un mutuo di 120.000 euro della durata di 20 anni, per una casa del valore di 235.000 euro, i primi tre risultati per il tasso fisso classico sono: al primo posto il Mutuo Fisso di CheBanca! che ha un importo di rata mensile di 748 euro e un Taeg di 4,45%; al secondo Mutuo Acquisto di IWBank con una rata mensile di 777 euro e Taeg 4,87%; al terzo posto troviamo Mutuo Arancio di ING Direct con una rata di 778 euro al mese, Taeg 4,89%.

Per un mutuo a tasso variabile classico la prima proposta più conveniente arriva da Mutuo Variabile di CheBanca! che ha un rata mensile di 611 euro e un Taeg di 2,12%; il secondo mutuo è Mutuo Arancio di ING Direct con una rata di 617 euro al mese, Taeg 2,19%; mentre il terzo è Mutuo Acquisto di IWBank con una rata mensile di 636 euro e Taeg 2,53%

‘La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il link di riferimento alla fonte Help Consumatori e il link al sito Supermoney.eu’

Comments are closed.