OSSERVATORIO. Mutui in lieve crescita

Cresce il volume delle erogazioni di mutui per l’acquisto di abitazioni da parte delle famiglie italiane. Nel quarto trimestre del 2009 si registra una crescita rispetto allo stesso periodo del 2008, parlando in termini di denaro sono circa 133 milioni in più gli importo spesi per l’acquisto della prima casa. Un +0,9% che sta ad indicare un cambiamento di tendenza per il mercato dei mutui. Il dato riguarda tutta l’Italia ma le regioni che hanno registrato un andamento davvero positivo sono quelle meridionali con un +21%.

L’aumento delle erogazioni nel 2009 non è senza dubbio sufficiente per invertire il trend negativo che il mercato dei mutui, e non solo quello, ha registrato a partire dal 2008. Crescono le richieste ma crescono anche gli importi che le banche devono erogare ai clienti. A livello regionale si registrano valori molto eterogenei tra il mutuo più alto, quello della Toscana e quello più basso , quello della Calabria, insomma aumentano anche gli importi richiesti. In provincia di Rimini per esempio, cala molto l’ammontare medio dell’indebitamento delle famiglie. Questi i dati della graduatoria pubblicata da Il Sole 24 Ore sulla base del rapporto annuale della società Crif. Nel 2008 nell’intera provincia di Rimini sarebbero stati erogati mutui con un importo medio pari a 198 mila euro, nel 2009 l’importo medio sarebbe sceso fino a 180 mila euro.

Un calo del 13% che dimostra la prudenza delle famiglie di fronte ad un mercato, quello immobiliare, che stenta a risollevarsi dalla crisi. Per quanto riguarda i tassi d’interesse, il momento è grigio per i mercati che registrano un calo vertiginoso, fino a toccare il minimo storico. I mutui indicizzati all’Euribor ne subiscono le conseguenze positive. Spesso i tassi d’interesse di questi mutui sfiorano il 2% e questa è senza dubbio una notizia positiva per i consumatori che tirano un sospiro di sollievo almeno per quel che riguarda la rata del mutuo. Per questo ad oggi molte famiglie italiane usufruiscono della sostituzione o della portabilità del proprio mutuo. Passare oggi, da un mutuo a tasso fisso ad uno a tasso variabile potrebbe voler dire risparmiare molto sulla rata del proprio mutuo. Per questo è bene effettuare un confronto tra le diverse offerte presenti sul mercato bancario prima di scegliere un nuovo finanziamento.

Per un confronto approfondito sul mutuo casa, sui tassi e sulla scelta del miglior mutuo a tasso variabile o fisso visita il sito Supermoney.eu

Comments are closed.