OSSERVATORIO. Mutuo casa, aiuti comunali a Schio

Acquistare casa diventa più facile per tutti gli italiani, sia per chi possiede un lavoro stabile a tempo indeterminato, sia per le famiglie e le categorie in difficoltà. La prima semplificazione giunge dalla rete, dove è possibile informarsi sui mutui prima casa e ottenere dei primi preventivi per avere un’idea del tasso d’interesse e della rateizzazione. Secondariamente, è il governo italiano a preoccuparsi dei suoi cittadini istituendo dei Fondi destinati alle categorie a rischio come le giovani coppie o le famiglie mononucleari con un minore a carico.

Aiuti comunali per i mutui prima casa arrivano, come in Lombardia, anche a Schio: da oggi fino al 21 di marzo è possibile presentare le domande. L’iniziativa ha permesso nel corso degli ultimi dieci anni di aiutare 110 famiglie con 620mila euro. Come funziona? Grazie all’accordo tra Comune e alcuni istituti di credito convenzionati (operanti sul territorio) è possibile ottenere fino a 2mila euro di incentivi annui per un massimo di sette anni. I contributi a fondo perduto in conto interessi sono erogati su mutui ipotecari per acquistare, costruire o recuperare beni immobili che dovranno essere destinati a prima abitazione.

L’importo del mutuo deve essere compreso tra i 50mila e i 120mila euro, gli immobili devono avere valore massimo di 190mila euro e superficie abitabile di 100 mq. Il contributo erogabile ogni anno è di 1.850 euro e potrebbe coprire interamente o quasi la quota interessi del finanziamento. I contributi possono essere erogati per un periodo pari alla metà della durata del mutuo e in ogni caso per un massimo di 7 anni. Il contributo complessivo medio è pari all’incirca a 13.000 euro.

Chi può accedere? Tutti i cittadini con età tra i 18 e i 55 anni residenti a Schio da almeno 5 anni (possono essere sia italiani che europei o extracomunitari). Chi fa richiesta non deve avere diritti di usufrutto o d’abitazione su un’altra casa e non deve aver beneficiato di altri contributi o finanziamenti pubblici per la stessa ragione. Esistono inoltre altri criteri di valutazione che vanno dal reddito al numero di componenti del nucleo familiare.

L’iniziativa consentirà di fornire un aiuto concreto a molte famiglie che hanno necessità di richiedere un mutuo agevolato per la prima casa. Per chi non ha accesso a simili aiuti invece il metodo migliore per cercare un finanziamento vantaggioso, in linea con il proprio reddito e la propria capacità di rimborsare il debito resta quella del confronto. Comparatori online come Supermoney consentono di verificare in pochi minuti i migliori mutui casa presenti sul mercato e richiedere subito la fattibilità.

‘La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il link di riferimento alla fonte Help Consumatori e il link al sito Supermoney.eu’

 

Comments are closed.