OSSERVATORIO. Prestiti e mutui agevolati per i giovani: nuovo progetto del Ministro della gioventù

Ottenere liquidità da parte delle banche può rivelarsi fondamentale per privati e piccole aziende al fine di avviare un’attività, effettuare un importante investimento o acquistare la prima casa. Dal momento che il mercato creditizio dispone di un’offerta molto vasta per trovare la soluzione ideale possiamo affidarci al confronto dei migliori mutui del momento, modalità che ci consente di trovare velocemente un’offerta in linea con le nostre richieste.

 

L’ultimo rapporto Abi ha rivelato che i prestiti in Italia sono in aumento. Il successo dell’erogazione del credito, spesse volte sta nelle agevolazioni governative e regionali preposte per incoraggiare i consumatori ad accendere un mutuo o un prestito a condizioni privilegiate. In tal senso ieri, il ministro della gioventù Meloni ha presentato Palazzo Chigi “Diritto al futuro”, un pacchetto di iniziative che stanzia 216 milioni di euro, 300 milioni grazie al cofinanziamento pubblico e privato, per agevolare i giovani italiani nell’ambito del lavoro, mutui, prestiti, formazione.

 

In particolare l’ammontare del fondo per i mutui sarà di 50 milioni di euro e permetterà la concessione di 10.000 mutui, per l’acquisto della prima casa, da parte delle giovani coppie sposate o dei nuclei familiari, anche monogenitoriali, con figli, con priorità verso gli individui con contratti aticipi o a tempo determinato. Basta non avere un’età superiore ai 35 anni, reddito ISEE complessivo non superiore a 35.000 euro e non essere proprietari di altri immobili, per poter accedere ad un finanziamento per l’acquisto dell’abitazione principale fino ad un massimo di 75.000 euro, con un mutuo non superiore a 200.000 euro.

 

L’ammontare del fondo prestiti prevede invece uno stanziamento di 19 milioni di euro per favorire l’accesso al credito da parte di giovani, si tratta di prestiti dedicati a studenti universitari tra i 18 e i 40 anni fino a 25.000 euro, erogati in rate annuali di importo tra i 3.000 e i 5.000 euro, rimborsabili anche nell’arco di 15 anni.

 

I prestiti saranno attivabili presso gli istituti di credito che decidono di aderire all’iniziativa, ed intanto noi abbiamo deciso di valutare l’offerta degli istituti bancari attraverso il portale Supermoney sia per dei profili che desiderino sottoscrivere un mutuo che richiedere un prestito.

 

Il profilo da noi creato per il mutuo ha 29 anni, è un lavoratore dipendente con contratto atipico con un reddito di 1100, e richiede un mutuo di 130.000 euro della durata di 20 anni, con un tasso variabile classico per una casa del valore di 200.000 euro.

 

Il mutuo più conveniente risulta essere Mutuo Variabile di CheBanca!, la cui rata mensile ammonta a 660 euro e ha 2,09% di Taeg. Segue Mutuo Arancio di ING Direct con Taeg 2,17% e una rata mensile di 667 euro. Al terzo posto il mutuo Bello Basso di Credem prevede 2,23% di Taeg e una spesa mensile di 662 euro.

 

Per un giovane con una fonte di reddito limitata, che volesse richiedere un prestito personale assicurato di 10.000 euro di liquidità, da rifondere in 4 anni le prime tre migliori offerte provengono da: Prestito Findomestic, che prevede un pagamento rateale mensile di 257 euro e un Taeg di 11,18%; segue il Prestito Contante di Unicredit, con una rata di 261euro al mese e 12,16% di Taeg; infine Creditopplà fisso di Ubi Banca, a cui corrisponde una rata mensile di 263 euro e 12,54% di Taeg.

 

‘La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il link di riferimento alla fonte Help Consumatori e il link al sito Supermoney.eu’

Comments are closed.