P.A. Cittadini, protagonisti con la sussidiarietà

Il punto di partenza è l’articolo 118 della Costituzione. L’obiettivo è un’amministrazione condivisa che si basi su un diverso rapporto fra politica, amministrazione e cittadini che partecipano in modo autonomo all’assunzione di responsabilità su problemi collettivi. Sussidiarietà significa amministrazione condivisa, nuova forma di esercizio della sovranità e attivazione dei cittadini per iniziative di interesse generale. Questi i temi al centro del dibattito oggi al Forum P.A. nel corso del convegno sulla "Terza convenzione della sussidiarietà – Favorire! – Gestire l’amministrazione condivisa", che ha visto riuniti intorno a un tavolo rappresentanti di Cittadinanzattiva, amministratori, rappresentanti del mondo imprenditoriale ed esponenti politici, fra i quali il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola, che ha sottolineato come "la cittadinanza attiva deve essere un processo democratico per la nozione di bene comune". L’incontro è stato inoltre occasione per presentare il nuovo sito "Labsus – Laboratorio per la sussidiarietà", primo spazio Internet completamente dedicato al tema, promosso da Cittadinanzattiva, Astrid, Movimento Difesa del Cittadino, Movimento del Volontariato italiano, Ancst- Lega Coop.

Il principio della sussidierà è contenuto nell’articolo 118, ultimo comma, della Costituzione: "Stato, regioni, città metropolitane, province e comuni favoriscono l’autonoma iniziativa dei cittadini, singoli e associati, per lo svolgimento di attività di interesse generale, sulla base del principio di sussidiarietà". Nel 2004 è stata varata la Carta della Sussidiarietà, che vede il cittadino al centro del sistema. "Dall’alleanza fra cittadini e amministratori nasce un diverso modo di amministrare – ha detto Teresa Petrangolini, Segretario generale di Cittadinanzattiva – Dirigenti e funzionari pubblici, incalzati dai cittadini, dovranno imparare ad amministrare insieme ai cittadini secondo il modello dell’amministrazione condivisa che trova fondamento nella Costituzione. La novità del modello è un diverso rapporto fra politica, amministrazione e cittadini: nell’amministrazione condivisa la politica, l’amministrazione e i cittadini convergono nell’interesse generale".

In questo nuovo modello i cittadini non si sostituiscono all’amministrazione ma si crea, ha detto Petrangolini, "un’alleanza fra soggetti tendenzialmente prioritari, basata sull’autonomia dei soggetti". C’è dunque un’autonoma assunzione di responsabilità da parte di cittadini consapevoli e attivi che contribuiscono ad affrontare i problemi generali. Il risultato finale risulta la collaborazione fra soggetti pubblici e cittadinanza.

L’amministrazione della sussidiarietà è formata da diversi soggetti e non comporta la creazione di nuove strutture ma di attività volte all’interesse generale per favorire l’attività amministrativa. Nelle funzioni dell’amministrazione sussidiaria, ha spiegato Petrangolini, ci sono nuovi compiti e nuove modalità di svolgimento dei compiti tradizionali, dove i cittadini diventano i "sensori" della Pubblica Amministrazione. In una nuova organizzazione improntata alla sussidiarietà gli URP diventano osservatori permanenti e potrebbero rappresentare uno "sportello unico", punti di raccolta di tutte le iniziative di sussidiarietà. Quest’ultima è inoltre un principio relazionale: fondamentale diventano dunque la formazione e l’informazione del personale e il ruolo della comunicazione, perché sussidiarietà significa non esaurire il rapporto fra cittadino e Pubblica Amministrazione in un singolo provvedimento ma anche avviare progetti di lungo periodo, come dimostrano le campagne di sensibilizzazione attivate su scuola, ambiente e sanità.

In quest’ottica è fondamentale, secondo Cittadinanzattiva, creare delle partnership e avviare programmi comuni in cui Amministrazioni e cittadini attivi, ma anche imprese, lavorino insieme condividendo rischi e risorse su argomenti quali sicurezza, scuole, cura del territorio e servizi sanitari.

Gli altri lanci sul convegno:

FORUM P.A. Nichi Vendola: "Ricostruire il bene comune"

FORUM P.A. Nasce "Labsus – Laboratorio per la sussidiarietà"

 

Comments are closed.