PA più vicina ai cittadini: al via l’accordo con Poste

Promuovere la diffusione dei servizi digitali e telematici e la comunicazione fra cittadini e Pubblica Amministrazione attraverso la rete degli uffici postali. È quanto prevede un accordo siglato fra il ministro per le Riforme e le Innovazioni nella Pubblica Amministrazione Luigi Nicolais, il ministro delle Comunicazioni Paolo Gentiloni e l’amministratore delegato di Poste Italiane Massimo Sarmi, che hanno presentato oggi le linee di azione per il potenziamento del sistema di comunicazione fra la PA, i cittadini e le imprese attraverso la rete degli uffici postali. L’iniziativa, ha annunciato il ministro Nicolais, riguarderà mille Comuni. L’accordo rende operativa la collaborazione avviata con il protocollo d’intesa, siglato a febbraio, fra il ministro Nicolais e l’amministratore delegato di Poste Italiane.

L’intesa ha l’obiettivo di rendere accessibile ai cittadini i servizi della Pubblica Amministrazione attraverso diversi canali e sfruttando il know how e le infrastrutture di Poste, che metterà a disposizione la propria rete fissa e telematica e promuoverà dunque nuove modalità di comunicazione e corrispondenza telematica fra la PA, i cittadini e le imprese. "È un’idea molto promettente e una tappa di un percorso il cui obiettivo è considerare la rete di servizi postali come una grande opportunità – ha commentato il ministro Gentiloni – C’è bisogno di un salto culturale oltre che di una strategia aziendale". Fra gli obiettivi dell’accordo c’è anche quello di incentivare i pagamenti online di tributi e servizi. Agli uffici postali sarà inoltre affidata una "missione" formativa: avvicinare i cittadini alle tecnologie informatiche e digitali. E chi non è in grado di eseguire il pagamento o avrà bisogno di una e-mail certificata potrà dunque farlo allo sportello.

Obiettivi dell’iniziativa, si legge nel documento presentato oggi, sono dunque quelli di "sviluppare e integrare i servizi delle Amministrazioni utilizzando strumenti telematici" e "rendere accessibili secondo diversi canali di erogazione i servizi stessi", nonché quello di "garantire al cittadino la possibilità di accedere ai servizi nella maniera più ampia e pervasiva possibile, attraverso un presidio completo dei canali di accesso, in grado di offrire al cittadino la libertà di scegliere la modalità con cui relazionarsi con l’amministrazione". Il piano degli interventi prevede dunque il "potenziamento della comunicazione della PA verso i cittadini" e il "potenziamento del sistema di trasmissione telematica di atti della PA verso imprese e professionisti".

Per quanto riguarda la realizzazione di un nuovo sistema per la trasmissione telematica di atti della PA verso i cittadini, è possibile prevedere – spiegano le linee di azione – l’uso della posta elettronica certificata: un servizio attivabile "consiste nella realizzazione di un servizio in grado di accettare comunicazioni digitali tramite PEC e curarne la trasmissione tramite Raccomandata". Nell’ambito della trasmissione di istanze in formato telematico verso la PA, il documento individua due scenari: uno è di "consentire ad un cittadino in Internet di inviare un’istanza una tantum in formato elettronico con valore probatorio" non disponendo di un accesso alla posta certificata ma attraverso un sistema di Marca Postale Elettronica; il secondo è di "consentire la trasformazione delle raccomandate da formato cartaceo a formato digitale". Le ipotesi: trasformazione in un invio PEC (Posta Elettronica Certificata) di un fax spedito dal cittadino; invio di una PEC da una casella ordinaria di mail; trasformazione in un invio PEC di una normale Raccomandata consegnata allo sportello.

Pagamenti online. Secondo l’accordo va potenziata la possibilità di semplificare il pagamento di tutti i tributi in formato elettronico. E per quanto riguarda i pagamenti verso la PA, le possibilità per il cittadino saranno di effettuare la transazione online, attraverso il sito dell’Amministrazione di riferimento o il portale di Poste Italiane, o attraverso la Televisione Digitale Terrestre.

Comments are closed.