PARMALAT. Milano, la difesa chiede di trasferire gli atti a Roma

Trasferire il processo a Roma: è questa una delle eccezioni sollevate oggi a Milano dalle difese degli imputati – Luca Sala, Antonio Luzzi e Luis Moncada ex manager di Bank of America (Bofa)- nel corso del dibattimento per il crac Parmalat, in relazione alla contestazione suppletiva di truffa ai danni dello Stato dovuta al mancato pagamento delle imposte su alcuni contratti di assicurazione formulata lo scorso ottobre dalla Procura nei confronti di tre ex funzionari di Bank of America (Bofa).

Poiché il danno contestato coinvolgerebbe il ministero delle Finanze e dato che il reato di truffa aggravata è più grave di quello dell’aggiotaggio – su cui è incentrato il processo Parmalat – secondo la difesa il processo deve essere quindi svolto nella capitale.

Le difese degli imputati e gli stessi legali del Bofa hanno inoltre eccepito la nullità "per l’indeterminatezza, la genericità e la tardività del nuovo capo di imputazione". Inoltre, è stato osservato, anche il terzo episodio di truffa sarebbe ormai prescritto (la Procura aveva effettivamente già dichiarato la prescrizione anche per gli altri due) e che il nuovo resto contestato è comunque un illecito amministrativo.

Infine, è stata chiesta la dichiarazione di nullità della contestazione suppletiva per violazione dell’art. 112 della Costituzione italiana, in quanto la pubblica accusa avrebbe selezionato le persone contro cui procedere, omettendo però di coinvolgere altri imputati come Calisto Tanzi, ai tempi patron della Parmalat.

L’udienza è stata aggiornata al prossimo 20 dicembre, giorno in cui la parola passerà alla Procura per le repliche. Quanto alle eccezioni sollevate oggi, il tribunale dovrebbe invece decidere a gennaio 2008. Intanto, il Comitato per la difesa dei possessori di bond Parmalat ha reso noto oggi che la CAAM SGR SPA – per brevità "Nextra" – ha rivolto una proposta transattiva, offrendo l’1% del valore nominale delle obbligazioni Parmalat che si erano acquistate a suo tempo.

Comments are closed.