PARMALAT. Ricominciato e già rinviato a giovedì 15 novembre il processo in corso a Milano

È cominciato ed è stato immediatamente rinviato a giovedì prossimo 15 novembre il processo per il crack Parmalat in corso al Tribunale di Milano che vede, tra gli altri imputati, anche Calisto Tanzi, l’ex patron dell’azienda di Collecchio. La presidente della prima sezione penale del Tribunale, Luisa Ponti, ha infatti rinviato l’udienza del processo Parmalat motivando la decisione con un ritardo di notifica della contestazione suppletiva di truffa ai danni dello Stato per reati fiscali all’imputato Luca Sala e, di conseguenza, la mancanza dei 20 giorni previsti dalla legge, per riorganizzare la difesa per i nuovi reati.

Durante l’udienza del primo ottobre scorso, i nuovi reati erano stati contestati dai pm Eugenio Fusco e Francesco Greco agli ex manager di Bank of America Luca Sala, Antonio Luzi e Luis Moncada. Le stesse accuse erano state mosse anche a Eros Francini, legale rappresentante di Bank of America Milan Branch, e a Nino Giuralarocca, rappresentante legale della banca svizzera Gkb.

Nella prossima udienza saranno raccolte le questioni delle difese relative alla contestazione suppletiva. Intanto in base alla nuova contestazione di truffa ai danni dello stato dovuta al mancato pagamento delle imposte su alcuni contratti di assicurazione, Bank of America dovrebbe essere citata come civilmente obbligata per la pena pecuniaria.

Comments are closed.