POSTE. Incontro dell’AD con le associazioni dei consumatori

Si è svolto oggi a Roma l’annuale incontro dei vertici di Poste Italiane con le associazioni nazionali dei consumatori. L’Amministratore Delegato Massimo Sarmi ha esposto i risultati ottenuti dal gruppo nel 2006, che ha registrato ricavi per oltre 17miliardi di euro con un aumento del 3,5%, un utile pari a 676 milioni (+ 93,6% sull’anno precedente). "Poste Italiane – ha detto Sarmi – è entrata per la prima volta a far parte dell’autorevole classifica "World’s Most Admirend Companies" stilata dalla rivista americana Fortune per gli operatori del settore postale.

Riguardo ai risultati dei servizi, Posta prioritaria ha raggiunto e superato l’obiettivo dell’88% di consegne nel giorno successivo all’invio, mentre le Raccomandate sono state consegnate per il 92,5% entro i tre giorni successivi. Per quanto riguarda i pacchi, settore critico fino a qualche anno fa, Sarmi ha detto che il 96,1% oggi viene consegnato entro i 5 giorni dall’invio, mentre la performance del Paccocelere raggiunge addirittura il 99,1% viene recapitato entro il giorno successivo. Importanti risultati anche nel Bancoposta, con oltre 4,9 milioni di conti correnti (+6,5%), 2,8 milioni di carte prepagate (+65,4). Sulle strategie di sviluppo, Poste Italiane stanno puntando molto sui nuovi servizi a valore aggiunto come l’eGovernment, l’eCommerce e tutti i servizi di comunicazione elettronica. Sarmi ha anche spiegato in dettaglio la scelta di Poste di entrare come Operatore Mobile Virtuale nel mercato della telefonia cellulare con l’accordo Vodafone: l’obiettivo è anche stimolare i "micropagamenti" di servizi come trasporti urbani, taxi, treno, etc. attraverso il cellulare.

I rappresentanti delle associazioni nei loro interventi hanno espresso apprezzamento per questi risultati, facendo rilevare la necessità di maggiori investimenti nella formazione riguardo soprattutto i prodotti di investimenti, una migliore gestione dei servizi di distribuzione, soprattutto quelli in appalto (ad es. le raccomandate), maggiori tutele nei confronti del phishing che da qualche tempo colpisce gravemente i clienti di Poste Italiane. Altro problema sollevato è stato quello della timbratura delle multe e degli atti giudiziari, per i quali la certificazione della data di consegna è fondamentale per eventuali ricorsi. Sarmi ha fornito i chiarimenti richiesti e ha preso l’impegno di una sempre maggiore attenzione alle esigenze dei consumatori.

 

Comments are closed.