POSTE. Nuova manovra tariffaria in vista

Il Ministero delle Comunicazioni sta deliberando la manovra tariffaria 2006 sui prodotti di corrispondenza. Secondo quanto anticipato dal quotidiano "Il Corriere della Sera" dei giorni scorsi, la manovra avrà un impatto marginale sulle famiglie (l’impatto della manovra sull’indice dei prezzi al consumo, secondo i dati dell’Istat, sarà pari allo 0,01%), lascia inalterata per un decennio la tariffa della posta prioritaria (la preferita dalle famiglie) e allinea l’offerta della società italiana a quanto avviene in Europa e prepara il Paese alla piena liberalizzazione del mercato.

Nello specifico la materia distingue la clientela retail, quella business ed il mercato internazionale.

  • L’offerta alla clientela retail.

La clientela retail richiede un servizio "end to end", che copra cioè tutte le fasi della catena di lavorazione postale, dall’impostazione in cassetta alla distribuzione al destinatario finale, e domanda un servizio di qualità elevata. Con la prossima manovra tariffaria, la posta prioritaria, prodotto di eccellenza della corrispondenza, diventa il prodotto di riferimento per tutta la clientela retail.

  • L’offerta alla clientela business.

La clientela business (grandi imprese, banche ed altri intermediari finanziari) genera grandi quantitativi di invii postali, ed è perciò interessata ad un servizio postale che assicuri un corretto trade-off tra qualità e costi del servizio.
Tale tipologia di clientela potrà accedere al servizio di spedizione di posta massiva, per il quale è stato messo a punto uno specifico listino i cui prezzi riflettono le economie conseguibili da Poste Italiane.
La posta massiva viene differenziata ai fini tariffari per peso, formato e destinazione. In relazione alla destinazione si distinguono le tariffe per: Aree Metropolitane, Capoluoghi di Provincia ed Aree Extraurbane.
L’omologazione preventiva degli invii (verifica e certificazione, per uno specifico invio, della sussistenza dei requisiti di massima meccanizzabilità) da parte di Poste Italiane permette di sfruttare appieno le potenzialità degli impianti meccanizzati, massimizzandone il rendimento in termini di qualità. Per incentivare il ricorso all’omologazione è stato previsto che il cliente che sottopone gli invii a preventiva omologazione possa accedere al servizio a condizioni tariffarie più favorevoli.

  • L’offerta sulla Posta Internazionale.

In un’ottica di maggiore aderenza ai costi di prodotto e di modernizzazione dell’offerta, per la posta internazionale la manovra si propone di:
Completare il passaggio della posta ordinaria in prioritaria per quanto riguarda gli invii destinati all’estero (nella precedente manovra tale intervento era stato limitato agli invii destinati alla Zona 1 – Europa e Bacino del Mediterraneo).
Adeguare, sia pure parzialmente, le tariffe ai costi di produzione del servizio, mediante limitati aumenti delle tariffe.

 

Comments are closed.