POSTE. Polizze Poste Vita: sì alla conciliazione

Poste Vita e le Associazioni dei consumatori presenti nel Cncu hanno siglato un accordo che permetterà agli utenti possessori delle polizze index linked Programma Dinamico di avviare una procedura di conciliazione ove fosse necessario. L’intesa stabilisce che i possessori delle polizze index linked Classe 3 A Valore Reale, Ideale, Raddoppio e Index Cup, della serie Programma Dinamico, sottoscritte tra il 2001 e il 2002, potranno scegliere la procedura negoziale a salvaguardia del loro investimento, qualora non fossero soddisfatti della soluzione proposta dalla Compagnia.

Questo non è il primo intervento a tutela degli investitori assunto da Poste Vita; la società, infatti, ha già sollevato i sottoscrittori dal rischio di investimento, assumendolo direttamente come azienda, e ha proposto ai risparmiatori di recuperare il 105% del capitale versato, in cambio del passaggio a una nuova polizza garantita da Poste Vita spa e dell’estensione di circa 3 anni dei termini di scadenza della polizza (al 31 dicembre 2015).

Per coloro che abbiano già compiuto 79 anni e 6 mesi alla data di accettazione della trasformazione, Poste Vita Spa ha garantito la restituzione del 100% del premio originariamente versato in caso di riscatto dopo la data di scadenza del contratto originario e prima del 31/12/2015.

La soluzione di Poste Vita è stata accettata dalla quasi totalità dei sottoscrittori, con una adesione di oltre il 92%, mentre, a oggi, le non adesioni sono limitate all’1% e un altro 6% di sottoscrittori non sono stati ancora raggiunti dalla comunicazione di Poste Vita.

Come funziona la procedura di conciliazione? Presso la sede centrale di Poste Italiane verrà istituita una Commissione di Conciliazione formata da un rappresentante dell’azienda e uno delle Associazioni dei consumatori, scelto dal cliente, che si occuperà di analizzare i casi. I costi della procedura – totalmente gratuita per il cliente – saranno interamente a carico di Poste Italiane.

Comments are closed.