PREZZI. Coldiretti, nel 2005 spesa in campagna per 7 italiani su 10

Nel 2005 sette italiani su dieci hanno fatto acquisti direttamente dagli imprenditori agricoli giudicando conveniente l’acquisto nell’87% dei casi anche se per la maggioranza (55%) sono la garanzia di qualità e genuinità la principale ragioni della spesa in campagna. E’ quanto afferma Coldiretti sulla base dell’ultima indagine Agri 2000 divulgata dall’organizzazione degli imprenditori agricoli in occasione dello sciopero della spesa.

L’indagine – sottolineano i coltivatori – evidenzia il successo di una opportunità per i consumatori che possono così garantirsi acquisti genuini ed evitare la nota "moltiplicazione" dei prezzi dal campo alla tavola, ma anche di una occasione per le imprese agricole che possono vendere senza intermediazioni. Un boom destinato a consolidarsi nel tempo come dimostra il fatto che – prosegue l’associazione di categoria – il 60% dei consumatori prevede, secondo l’indagine, di aumentare i propri acquisti nelle aziende agricole nel corso del 2006. nessuno ha indicato riduzioni, mentre il 40% rimarranno sostanzialmente stabili.

Ad essere privilegiati per l’80% sono gli acquisti fatti recandosi direttamente nelle aziende agricole ma il 30% ha comprato prodotti negli stand degli agricoltori presenti in fiere e mercati locali mentre il 21% si sono fermati per acquisti negli spazi allestiti dalle aziende lungo le strade principali e il 10 % ha frequentato negozi in città gestiti direttamente dalle aziende agricole. Ecco spiegato il successo del primo farmers market permanente nato nel 2005 ha Taranto e gestito dagli imprenditori agricoli che tutti i giorni offrono direttamente, nel centro città, frutta, verdura, miele, formaggi, uova, vino e olio ottenuti nelle proprie aziende. Si tratta – secondo i coltivatori – di una iniziativa concreta per affrontare il problema del costo eccessivo della filiera, realizzata con il sostegno e la collaborazione delle associazioni dei consumatori (Adoc, Adiconsum, Federconsumatori, Codacons e Adusbef).

 

Comments are closed.