PREZZI. Adoc, Natale di risparmio per i regali. Meno 7% nella spesa

Regali all’insegna del risparmio in vista del prossimo Natale. La spesa procapite si aggirerà in media intorno ai 131 euro, con un calo del 7% rispetto al 2008 e ben distante dai 271 euro medi del 2004. Fra i regali più gettonati, si segnala l’aumento dei prodotti hi-tech (più 1%) e dei prodotti per la salute e il benessere( più 3%) mentre sono in calo l’abbigliamento (meno 2%) e il mercato audio/video (meno 1%). Le stime sono dell’Adoc, che sottolinea anche le fasce di prezzo per i consumatori: il 37% spenderà fra i 20 e i 40 euro a regalo, il 29% fino a 20 euro, il 23% fra i 40 e i 60 euro e solo il 12% andrà oltre i 60 euro.

"Sarà un Natale freddo dal punto di vista dei consumi, in cui il leit-motiv sarà il risparmio – commenta Carlo Pileri, presidente dell’Adoc – con la riduzione del potere d’acquisto e i rincari in quasi tutti i settori, in primis alimentari e carburanti, i consumatori faranno fatica a dedicare parte dei loro introiti a spese extra come i regali. Rispetto all’anno passato, secondo le nostre stime, la spesa media a persona per i regali sarà minore del 7%, per un calo del giro d’affari pari a circa 540 milioni di euro. Una crisi degli acquisti generata anche dall’impossibilità di utilizzo della tredicesima, di cui l’85% servirà a pagare le scadenze mensili. Detassandola, al contrario, le famiglie avrebbero a disposizione, in media, 300 euro in più. Di cui il 60% potrebbe essere dedicato agli acquisti e ai regali". Per l’associazione, a fronte anche del calo del settore abbigliamento non invertito dai saldi, questi dovrebbero essere anticipati a prima delle festività natalizie.

"Prevediamo un calo delle presenze nei centri commerciali di circa il 4%, nonostante rimangano il luogo preferito dove acquistare i regali – conclude Pileri – al contrario, registriamo un trend al rialzo dei negozi online (+4% rispetto al 2008) e dei mercatini (+3%), dove è ancora possibile fare buoni affari. Crollano le presenza nei piccoli esercizi, il 4% in meno dell’anno scorso".

Comments are closed.