PREZZI. Adoc: caro spiaggia, 95 euro a famiglia per una giornata al mare

Ferie solo per un terzo degli italiani e sempre più low cost, un’estate di gelato amaro, e come se non bastasse pure la spiaggia fa registrare aumenti: una giornata al mare costerà quest’anno il 2,3% in più rispetto al 2009, e le regioni più care saranno Sardegna e Toscana. È quanto rileva l’Adoc in un’indagine che sottolinea come una giornata al mare per una famiglia di quattro persone costi in media 95 euro.

Qualche esempio? Affittare un lettino costa 7,70 euro con un aumento del 2,6% rispetto allo scorso anno; per un ombrellone servono 7,30 euro (più 4,2%); quattro gelati in tutto fanno 10,60 euro, con un rincaro del 3,9% rispetto al 2009.

"Trascorrere una giornata al mare sta diventando sempre più un salasso per le famiglie italiane – dichiara Carlo Pileri, presidente dell’Adoc – rispetto allo scorso anno il costo complessivo è aumentato del 2,3%, la spesa media che una famiglia di quattro persone spende per rilassarsi in riva al mare ha superato quota 95 euro. Sono rincarate quasi tutte le voci, dall’ombrellone (+4,2%) al lettino (+2,6%) passando per sdraio (+1,6%) e ingresso (+2,6%). Anche le voci extra come i gelati, panini e caffè sono in rincaro, con i primi che segnano un aumento del 3,9%. Stabili solo i costi di parcheggio. Continuando di questo passo gli italiani il mare potranno vederlo solo in cartolina".

Le regioni più care sono Sardegna, Toscana e Liguria, dove si spende più della media nazionale: il 24,3% in più in Sardegna, il 23,1% in Toscana e il 16,9% in Puglia. Va meglio in Sicilia, dove si spende il 27,8% in meno della media nazionale, e in Puglia con il 23,6% in meno.

L’Adoc sottolinea inoltre che "rimane viva la discussione sull’accesso alla spiaggia, che dovrebbe essere obbligatoriamente libero secondo l’art. 1 comma 251 dell’ultima finanziaria, ma che, nella maggior parte dei casi rilevati non viene garantito ai cittadini". Commenta Pileri: "Negli stabilimenti, spesso, si fa pagare l’ingresso o viene previsto l’accesso gratuito solo a patto di affittare l’ombrellone e il lettino. Una sorta di tassa occulta che scontenta gli italiani che intendono accedere alla battigia senza pagare".

Comments are closed.