PREZZI. Adoc: tenere un cane costa oltre 1400 euro l’anno

Il caro vita rende più dispendioso accudire cani e gatti domestici. L’aumento di spesa per scatolette, alimenti, toletta e spese mediche necessari per tenere al top cani e gatti di casa nostra è pari a oltre il 60% dal 2001 a oggi. In un mercato che muove un giro d’affari di circa 10 miliardi annui, accudire un cane costa oltre 1400 euro l’anno, mentre per un gatto servono almeno 500 euro. A fare il punto su queste spese – insieme alla denuncia di un aumento del 18% di abbandoni per gli amici a quattro zampe – è l’Adoc, che sottolinea come in un solo anno i rincari siano pari all’8%.

Spiega il presidente Carlo Pileri: "Occuparsi di un cane costa, in media, 1466 euro l’anno, pari praticamente a una mensilità di stipendio, tra alimenti, accessori e spese mediche, mentre per un gatto si spendono poco meno di 550 euro l’anno. Rispetto allo scorso anno gli aumenti maggiori si registrano per le scatolette, +10% per quelle dei felini, +12,5% per i migliori amici dell’uomo. Stabile il costo della toletta, sono invece in rialzo i costi degli antiparassitari (+8%) e delle visite mediche di routine, cresciute del 3,3%. La spesa è aumentata in media del 62% dall’introduzione dell’euro, circa il 6% ogni anno. Nel 2001, infatti, per mantenere un cane di media taglia bastavano circa 1000 euro l’anno, per un gatto servivano massimo 300 euro. Senza contare che circa il 10% della spesa per gli amici a quattro zampe finisce nella pattumiera: dalle nostre indagini risulta che il 7% dei prodotti alimentari acquistati non viene utilizzato, perché scaduto o ‘non gradito’ dall’animale, mentre c’è uno spreco di medicinali di circa il 3%. La causa principale è il mal confezionamento, non conforme alla terapia prevista".

L’associazione denuncia il fenomeno dell’abbandono degli animali. In crescita, nonostante le campagne per evitare che cani e gatti finiscano in strada. "Nell’ultimo anno abbiamo registrato un aumento del numero degli abbandoni, solo a Roma si parla del 25% in più rispetto allo scorso anno, a livello nazionale la media è del 18% in più – afferma Pileri – in Italia sono più di 300mila gli animali abbandonati ogni anno, di questi circa 20mila perdono la vita soprattutto durante i mesi estivi".

Comments are closed.