PREZZI. Affitti per studenti, genitori in difficoltà. Roma città più cara

Anche il 2011 si conferma un anno difficile per i genitori che devono mantenere i figli che studiano lontano da casa. Secondo un’analisi di Casa.it sul mercato degli affitti per gli studenti, è Milano a registrare lo scarto maggiore tra il potere di spesa dei genitori, disposti a spendere una media di 750 Euro al mese per una metratura compresa tra i 50 e i 70 mq, e la reale offerta che si colloca in media intorno agli 850 Euro al mese. Roma, che si conferma la città univeristaria più cara d’Italia, mostra invece un divario minore: il canone medio mensile per un bilocale è di 880 Euro contro una capacità di spesa che si attesta sui 820 Euro. Padova e Pavia rilevano un interessante incontro tra i prezzi della domanda e quelli dell’offerta che si assestano rispettivamente sui 550 e 500 Euro al mese. Infine, Pisa e Bari registrano una tendenza delle famiglie a spendere in media il 3% in più rispetto all’offerta immobiliare, con prezzi che si attestano sui 680 Euro al mese per la prima e 570 Euro per la seconda.

In generale le possibilità economiche dei genitori risultano essere del 6% inferiori ai reali costi del mercato immobiliare italiano. Si scelgono quindi spesso abitazioni in zone più periferiche ma comunque efficacemente servite dai trasporti pubblici. "Rispetto al 2010, abbiamo rilevato che il divario tra la capacità di spesa delle famiglie italiane e il costo dell’offerta immobiliare è passato dal -4% al -6%, mettendo in luce una minore propensione ad incontrare l’offerta del mercato. Emerge, inoltre, una sempre maggiore tendenza alla richiesta di soluzioni più economiche, optando quindi per appartamenti lontano dai poli universitari ma comunque ben serviti dai mezzi pubblici", commenta Daniele Mancini, amministratore delegato di Casa.it.

Comments are closed.