PREZZI. Avvocato, caro mi costi. Inchiesta Altroconsumo

L’avvocato costa tanto. Detto così sembra banale, ma Altroconsumo ha realizzato un’indagine sulle tariffe degli avvocati prospettando un caso, semplice, di separazione consensuale tra due coniugi in divisione di beni, senza figli, stesso livello di reddito, senza alcuna pretesa di uno dei confronti dell’altra, evidenziando prezzi talvolta molto elevati. L’inchiesta sulla possibile causa è stata condotta su studi affermati e avvocati meno noti con "negozi su strada" o che usano la pubblicità su giornali e in internet, e ha messo in evidenza l’esistenza di poca trasparenza e tariffe talvolta molto salate, anche se non mancano esempi virtuosi. Casi limite a Milano, dove per un primo colloquio sono stati chiesti oltre 600 euro e si è arrivati a un preventivo di 7 mila euro per un caso che tutti gli studi interpellati hanno ritenuto semplice.

L’inchiesta ha coinvolto 19 professionisti in 7 città (Milano, Torino, Padova, Roma, Napoli, Bari e Palermo). Afferma Altroconsumo analizzando le tariffe prospettate: "Solo uno studio (a Palermo) ci ha proposto il minimo, anzi, è andato sotto. La maggior parte è rimasta sotto i massimi. Al contrario, tre professionisti (due a Milano e uno a Roma) hanno sforato la tariffa massima alla grande. A Milano il preventivo più alto: 7000 euro, vale a dire quasi 5.000 oltre i massimi".

Sono meno trasparenti gli avvocati affermati. Secondo Altroconsumo, sulla disponibilità a riportare per iscritto su carta intestata e a dettagliare il preventivo "sono gli studi legali più noti e stimati che lasciano più a desiderare. Su 9 matrimonialisti di grido ben 6 non hanno voluto scrivere cifre, limitandosi alla comunicazione a voce dei costi. Mentre tra gli studi meno conosciuti, la situazione si ribalta: è successo 2 volte su 10".

Il primo colloquio – quello in cui l’avvocato fornisce il quadro della causa – è stato gratuito solo in 6 casi su 19, equamente divisi fra avvocati noti e meno noti. "Il tariffario prevede al massimo 185 euro per il primo colloquio, comunque troppi considerata l’estrema facilità del caso – afferma l’associazione – Sei professionisti hanno superato questa cifra, due anche di tanto. In uno studio milanese siamo arrivati a pagare 624 euro, in un altro 437".

Comments are closed.