PREZZI. Benzina, Casper: petrolio in calo ma benzina su

Il petrolio cala, la benzina no. "Il Governo non solo è inerte, ma addirittura complice di rincari e speculazioni sui carburanti. Basti pensare ai recenti interventi decisi dal nostro esecutivo che, attraverso l’incremento delle accise e dell’Iva sulla benzina, hanno prodotto un aggravio di spesa, solo per i costi diretti, pari a 79 euro annui ad autovettura": è quanto denuncia Casper, Comitato contro le speculazioni e per il risparmio, composto da Adoc, Codacons, Movimento Difesa del Cittadino e Unione Nazionale Consumatori, che sottolinea come il calo del prezzo del petrolio non si ripercuota sulla benzina, che ancora oggi vede ulteriori rialzi.

Il greggio è infatti quotato 84,52 dollari (-1,29 dollari), spiega Casper, e "la normale conseguenza del deprezzamento del petrolio sarebbe un calo dei prezzi di benzina e gasolio alla pompa. E invece anche oggi si registrano rincari dei listini, con la verde che arriva a quota 1,630 euro al litro". Il Comitato chiede al Governo "un passo indietro su Iva e Accise, cancellando gli "aumenti di Stato’ imposti negli ultimi mesi".

Comments are closed.