PREZZI. Benzina, Consumatori: “Dovrebbe scendere di 7 cent”

I conteggi sono effettuati sulla base dei dati del Ministero dello Sviluppo Economico e vengono fatti sul prezzo industriale della benzina, tenendo dunque conto del prezzo al barile e della valutazione dell’euro rispetto al dollaro. È quanto tengono a precisare Federconsumatori e Adusbef in relazione ai conteggi sui costi dei carburanti fatti dalle associazioni dei consumatori, proprio nel giorno dell’incontro del Garante per la sorveglianza dei prezzi con le compagnie petrolifere, per fare il punto sull’evoluzione dei prezzi nelle ultime settimane.

Le due associazioni confrontano dunque i prezzi odierni con quelli di una settimana dell’anno scorso dall’andamento simile: dal 16/10/08 al 23/10/08, affermano, il petrolio registrava un prezzo medio di 73 dollari al barile e il prezzo consigliato per la benzina era di 1.29 € al litro (dati Ministero dello Sviluppo Economico). "Quindi, rispetto all’attuale quotazione del petrolio, la benzina dovrebbe già attestarsi a un 7% in meno" cui si aggiunge l’apprezzamento dell’euro sul dollaro e dunque l’influenza positiva sul costo del petrolio.

"Essendo oggi il prezzo industriale di circa 52 cent. a litro, si dovrebbe avere un taglio del 14.5%, la somma della differenza di prezzo del petrolio più la rivalutazione euro/dollaro. Quindi – sostengono le due associazioni – il prezzo della benzina si dovrebbe attestare a meno 7 centesimi" rispetto a oggi.

Comments are closed.