PREZZI. Benzina, Gestori: nell’ultima settimana “saldo a favore del Consumatore”

Nel giorno in cui la benzina sfonda quota 1,5 euro al litro, arriva il "meteo carburanti" di Figisc Confcommercio, la Federazione italiana gestori impianti stradali carburanti, che rassicura sull’andamento dei prezzi della settimana che si sta chiudendo – parlando di "un saldo tutto a favore per il Consumatore" – e prevede prezzi stabili per i prossimi giorni.

Afferma infatti il presidente nazionale Luca Squeri: "Nella settimana appena trascorsa, oltre ad un non trascurabile aumento delle quotazioni del greggio (+3,06 euro/barile) e ad un deprezzamento del cambio euro/ dollaro, il mercato ha registrato un marcato incremento dei prezzi internazionali dei prodotti ‘finiti’: il Platt’s benzina, infatti, ha guadagnato +0,035 euro/litro con IVA, ed il Platt’s gasolio ha guadagnato +0,036 euro/litro con IVA. Rispetto a questo andamento, il prezzo Italia è, invece, aumentato di +0,021 euro/litro per la benzina e di +0,022 euro/litro per il gasolio. Lo scarto tra incrementi internazionali ed incrementi nazionali è, dunque, per questa settimana di 0,014 euro/litro per ambedue i prodotti: ossia non sono stati scaricati sul prezzo Italia aumenti internazionali nell’ordine di 1,4 eurocent/litro. Un saldo, dunque, a tutto favore per il Consumatore".

Per la prossima settimana sono previsti prezzi stabili: "Il cambio con il dollaro ha avuto un recupero, la chiusura dell’ultima sessione del Platt’s ha finalmente registrato una flessione dopo diversi aumenti, ma l’industria petrolifera non ha recuperato sul margine i maggiori costi dei prodotti lavorati: ci si può attendere, pertanto, per prossimi giorni una sostanziale stabilità dei prezzi in attesa che si chiarisca il mercato", spiega Squeri. In sintesi, affermano i gestori, nel panorama europeo dei prezzi l’Italia, in una classifica dal prezzo più caro a quello meno caro, si trova al decimo posto per la benzina e al sesto per il gasolio: "Dalla scorsa settimana quindici Paesi su ventisette hanno aumentato il prezzo della benzina e del gasolio in misura superiore a quella di cui è aumentato in Italia", rileva Figisc.

Comments are closed.