PREZZI. Benzina, aumenti alla pompa. I commenti di Federconsumatori e Adusbef

Ancora una dimostrazione della doppia velocità del prezzo delle benzina: il costo del petrolio aumenta ed ecco subito gli aumenti alla pompa. E’ quanto fanno notare Federconsumatori e Adusbef che aggiungono: "Quando il prezzo del petrolio si attestava a 50 Dollari al barile, il prezzo della benzina ci mise secoli per arrivare a valori attorno a 1,20 – 1,22 Euro al litro".

"Un lento adeguamento, dunque, quello al quale abbiamo assistito, seguito poi da un blocco speculativo – aggiungono le Associazioni – Oggi siamo in presenza di incrementi del prezzo del petrolio a 57-58 Dollari al barile ed immediatamente, con la velocità della luce, vi è stato un adeguamento, che noi giudichiamo speculativo, a 1,26 Euro al litro".

Dai calcoli, effettuati dalla due Associazioni il prezzo si dovrebbe attestare a 1,11- 1,12 Euro al litro e comunque, dovrebbe seguire una diversa velocità, pari a quella a cui abbiamo assistito nella discesa del prezzo.

Federconsumatori e Adusbef chiedono l’intervento delle istituzioni e del Ministero preposto alla sorveglianza del settore, nonchè che si avvii celermente il processo di liberalizzazione della vendita dei prodotti petroliferi, anche utilizzando i grandi centri commerciali, così come avviene in tutta Europa.

 

Comments are closed.