PREZZI. Benzina, il Tavolo di concertazione è tornato a riunirsi

Continuano le riunioni del Tavolo carburanti per l’attuazione del piano d’azione per la riforma del settore. Nella seduta di ieri, presieduta da Stefano Saglia, sottosegretario al ministero dello Sviluppo economico con delega all’Energia, è stata presentata la bozza del provvedimento per i prezzi settimanali, che finirà con tutta probabilità nelle legge annuale sulla concorrenza da presentare entro giugno.

La discussione ha affrontato le modifiche normative che verranno recepite nella legge sulla concorrenza. In particolare la bozza del provvedimento per la comunicazione della variazione dei prezzi prevede l’obbligo per i gestori di comunicare settimanalmente al ministero dello Sviluppo economico i prezzi effettivi praticati alla pompa. Si è discusso, inoltre, del sistema di pagamento tramite carte di credito o bancomat (con particolare riferimento alle carte cosiddette revolving) ipotesi aspramente criticata dal Codacons: ""Introdurre strumenti di pagamento come carte prepagate, revolving e simili, rischia di danneggiare i consumatori, portando ad una crescita dei costi a loro carico", ha affermato il presidente Carlo Rienzi. "E’ noto infatti come tali carte comportino commissioni e balzelli vari a carico degli utenti, o spese di apertura e di ricarica. Allargare il loro ambito di applicazione, equivale a far arricchire le banche. Proprio per questo motivo l’Abi ha mostrato subito interesse verso tale ipotesi", aggiunge Rienzi.

Ma in tema di concorrenza, ad avviso di Adiconsum, occorre fare di più. Occorre rimuovere gli ostacoli che molte regioni hanno posto allo sviluppo di una distribuzione competitiva a quella delle compagnie petrolifere, permettendo ad es. l’installazione di distributori presso la grande distribuzione organizzata o delle c.d. "pompe bianche" che nel resto d’Europa coprono circa metà del servizio.

Comments are closed.