PREZZI. Benzina in aumento, Consumatori: mai diminuita

Dopo tre ribassi consecutivi dall’inizio di luglio, i carburanti Agip tornano a salire. Lo riferisce la Staffetta Quotidiana precisando che i prezzi di benzina e gasolio aumentano di 1 centesimo, rispettivamente a 1,280 euro e 1,097 euro. Quanto alle altre compagnie, i prezzi medi calcolati dalla Staffetta Quotidiana segnalano oggi una sola variazione, al ribasso, per Api/IP, con la benzina a 1,269 euro (-5 millesimi) e il gasolio a 1,086 euro (-5 millesimi). "Ma quando mai sono scesi?", si chiedono Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, Presidenti di Federconsumatori ed Adusbef spiegando che le uniche variazioni che hanno avuto luogo, sono state del tutto teoriche e virtuali, ed addirittura misurate in millesimi di Euro.

"Peraltro – aggiungono le associazioni – se fosse vera questa oscillazione, derivante da un aumento che si sta verificando da soli due giorni sui mercati internazionali, sarebbe la prova lampante di quanto denunciamo da sempre, e cioè del fenomeno della doppia velocità di adeguamento del prezzo dei carburanti. Rapidissima in ascesa, lentissima in discesa".

Federconsumatori e Adusbef concludono ribadendo che "a causa di queste speculazioni, gli automobilisti continuano a pagare un maggiore esborso, per i propri pieni di carburante, pari a 96 Euro annui di costi diretti e 85 Euro annui per le ricadute sul tasso di inflazione".

Comments are closed.