PREZZI. Benzina, in calo Agip ed Esso. Consumatori: “Ribassi irrisori”

Stamattina la benzina ha cominciato un’inversione di rotta con una discesa dei prezzi di Agip ed Esso. Per i Consumatori, si tratta però di ribassi "del tutto irrisori e insufficienti" perché i prezzi dovrebbero scendere di 7-8 centesimi al litro. La fotografia della situazione, scattata dal monitoraggio di quotidianoenergia.it, rileva che "Agip ed Esso hanno tagliato i prezzi dei carburanti. Nel dettaglio il market leader ha diminuito di 2 centesimi la benzina, scendendo a 1,416 euro/litro, e di 1 centesimo il diesel fino a 1,270 euro/litro. Esso è intervenuta al ribasso sulla sola benzina: -1,5 centesimi posizionando così il prezzo di riferimento del prodotto a 1,420 euro/litro".

Per Federconsumatori e Adusbef, i ribassi registrati sono "del tutto irrisori ed insufficienti". "Ben altro si deve fare, vista l’attuale riduzione del costo del petrolio che, rispetto all’inizio del mese, è calato dell’11%. Tenendo conto, ovviamente, anche dell’andamento del cambio euro /dollaro, il prezzo della benzina, quindi, secondo i precisi e rigorosi calcoli dell’Osservatorio Nazionale Federconsumatori, dovrebbe diminuire di circa 7-8 centesimi al litro, riportandosi ben al di sotto della soglia di 1,40 euro al litro", affermano le associazioni, che chiedono di istituire nel più breve tempo possibile la Commissione istituzionale di controllo sul fenomeno della doppia velocità. Commentano i presidenti Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti: "È evidente, ormai, il rallentamento della velocità di adeguamento al ribasso dei prezzi dei carburanti. Un fenomeno speculativo che denunciamo da tempo e che, ribadiamo, è urgente stroncare." Le ricadute delle mancate riduzioni per gli automobilisti ammontano a 176 euro l’anno.

Comments are closed.