PREZZI. Benzina, incontro UP-CNCU: Adiconsum lancia dieci proposte per abbattere prezzi

Dieci proposte per risparmiare dieci centesimi sui carburanti. È quanto presentato da Adiconsum durante l’incontro fra Unione Petrolifera e associazione dei Consumatori che si è svolto in sede di Consiglio Nazionale Consumatori e Utenti presso il Ministero dello Sviluppo Economico.

L’associazione chiede l’obbligo di esposizione dei prezzi sui totem e la variazione periodica dei prezzi dei carburanti: una variazione mensile, sostiene Adiconsum, "ridurrebbe drasticamente gli effetti speculativi denunciati cioè l’immediato adeguamento al rialzo quando sale il prezzo del greggio e ritardato quando scende. Ciò consentirebbe al consumatore di conoscere la pompa più conveniente. È ovvio che spetta a ogni compagnia stabilire il prezzo, salvaguardando così la logica di mercato".

Fra le proposte, c’è quella di aumentare la distribuzione indipendente dalle compagnie e di ampliare l’orario di servizio, dalle 6 alle 22, soprattutto per i distributori che svolgono anche servizi non oil. Nella vendita della benzina in autostrada, Adiconsum chiede di regolamentare le royalties per evitare il fenomeno speculativo di aggravio di 10-15 centesimi/litro sul rifornimento in autostrada e di porre il totem di informazioni sui prezzi all’entrata dei caselli.

L’associazione propone inoltre di ampliare la rete gpl e metano, di fornire maggiori informazioni sul biodiesel e lancia due proposte in vista del Natale: alle compagnie petrolifere, quella di ridurre i prezzi dei carburanti, e al Governo di contrastare gli aumenti ingiustificati.

Comments are closed.