PREZZI. Benzina, nuova ondata di rincari. Consumatori: dare attuazione al Protocollo

Una nuova ondata di rialzi si è abbattuta sulla rete carburanti. Dal consueto monitoraggio di quotidianoenergia.it emerge, infatti, che quasi tutte le compagnie hanno adeguato all’insù i prezzi di riferimento di benzina e diesel. Nel dettaglio, Erg ha ritoccato di 0,5 centesimi entrambi i prodotti portandoli rispettivamente a 1,423 e 1,264 euro/litro, mentre Esso di 0,9 centesimi fino a 1,423 e 1,263 euro/litro. Ancora, Q8 ha mosso all’insù di 1 centesimo i listini dei due carburanti: la verde è salita così a 1,431 euro/litro mentre il gasolio a 1,274 euro/litro. Shell ha aumentato di 0,5 centesimi la benzina fino a 1,434 euro/litro e di 0,8 centesimi il diesel fino a 1,277 euro/litro. Tamoil, infine ha rialzato di 0,9 centesimi il solo gasolio fino a 1,268 euro/litro, mentre Total di 0,7 centesimi la verde fino a 1,425 euro/litro e di 0,5 centesimi il diesel, ora a 1,268 euro/litro.
"Niente di nuovo, siamo alle solite e, come sempre, a pagarne le conseguenze sono i cittadini, che subiscono ricadute per 254 Euro annui." – dichiarano Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, Presidenti di Federconsumatori e Adusbef.

"Per questo è estremamente urgente dare piena applicazione alle misure sottoscritte la scorsa settimana nel Tavolo di confronto sul mercato petrolifero, a partire dall’istituzione della Commissione di controllo sulla doppia velocità, e dalla razionalizzazione della rete di distribuzione, con l’incremento della vendita non-oil e, quindi, l’apertura della vendita anche presso la grande distribuzione" sostengono i Presidenti.

"Si tratta, infatti, di misure indispensabili che consentiranno, da un lato, di eliminare le speculazioni e, dall’altro, di avviare un importante calmieramento dei prezzi dei carburanti. Il Governo, inoltre, deve impegnarsi a dare applicazione immediata alle norme, già esistenti sull’accisa mobile, abbassandola per controbilanciare l’automatico aumento dell’IVA viste le attuali variazioni del petrolio" concludono Trefiletti e Lannutti.

Comments are closed.