PREZZI. Benzinai preparano sciopero: pompe carburanti chiuse dal 15 al 17 settembre

I gestori delle pompe di benzina si stanno mobilitando per lo sciopero di tre giorni che vedrà la loro chiusura, dal 15 al 17 settembre, come protesta contro "il gravissimo deterioramento della situazione in cui versano le piccole e medie imprese”. È quanto sostengono Faib, Fegica, Figisc ed Anisa, che si riuniranno mercoledì 8 settembre, alla presenza di esponenti parlamentari, per mettere a punto le iniziative da intraprendere ed esplorare la possibilità di margini di trattativa sulla vertenza. Le sigle hanno inoltre chiesto al premier l’apertura di un tavolo di confronto alla presidenza del Consiglio dei ministri.

”La proclamazione dello sciopero generale è l’inevitabile risposta al gravissimo deterioramento della situazione in cui versano le piccole e medie imprese dei gestori – si legge in una nota Figisc e Anisa – diretta conseguenza, assai più che della generalizzata crisi economica e della contrazione dei consumi, dell’effetto combinato da un lato della inadeguatezza delle misure per il settore che il Governo insiste a rinnovare e sostenere e dall’altro delle politiche dell’industria petrolifera che, in un contesto sempre più incerto e privo di prospettive, moltiplica comportamenti ed iniziative tese a scaricare sempre maggiormente sui gestori i devastanti costi delle contraddizioni del sistema”.

Nella nota si sottolinea che, come sulla riforma del sistema, anche sul fronte dei prezzi non sono stati ottenuti risultati apprezzabili: "Al contrario l’assenza di qualsiasi forma di controllo ha, col tempo, generato una giungla di messaggi pubblicitari, sempre più incomprensibili ed ingannevoli per i consumatori, sui prezzi, sconti e promozioni, ai quali l’intero ‘sistema’ fa ormai spasmodicamente riferimento: una situazione che espone la stragrande maggioranza dei gestori a pesantissime discriminazioni, stanti i vincoli contrattuali e commerciali in cui è costretta ad operare, e progressivamente sospinta fuori dal mercato”.

Comments are closed.