PREZZI. CODICI: Università, a Bologna affitti in nero e rincari dal 20%

Caro affitti per gli studenti, a Bologna affitti in nero e rincari di almeno il 20% rispetto al 2008. Gli affitti sono esosi per le tasche degli studenti e nel 90% dei casi non esistono contratti di locazione. È quanto denuncia il CODICI che ha avviato un’indagine sui costi degli affitti nella città di Bologna, raffrontando i prezzi delle locazioni del 2008 con quelli attuali. I dati sono frutto dell’analisi di un campione di 2500 offerte di locazione pubblicate su riviste del settore immobiliare e dimostrano quanto gli affitti siano aumentati nel giro di un anno passando da 600 euro, per un monolocale nel centro storico, ad almeno 700 euro. Gli appartamenti sono stati selezionati sulla base di metri quadri, quartiere e prezzo, e vanno dai 50 ai 60 mq. Nel centro storico si passa dai 500 euro del 2008 ai 600 del 2009, a San Vitale dai 600 ai 750 euro, a San Donato dai 430 ai 650 euro, a Santo Stefano da 700 a 800 euro, in periferia presso la nuova sede di ingegneria dai 500 euro ai 638.

"Quella che è sbagliata è questa nuova politica di casa – commenta Alessandra Coppola responsabile CODICI Emilia Romagna – urgono maggiori controlli da parte delle Forze dell’Ordine per disincentivare un malcostume che purtroppo è ben radicato nel nostro Paese: quello degli affitti in nero. Infatti, chi affitta agli studenti, quasi sempre evade le tasse. Importante per ripristinare una condizione di legalità, è la collaborazione degli studenti".

Comments are closed.