PREZZI. Carburanti, Adiconsum: domani incontro con UP, prezzi abbiano variazione periodica

Adiconsum chiede che i prezzi dei carburanti abbiano una variazione periodica e che sia affidato all’Autorità per l’Energia il monitoraggio sul greggio, sul brent e sul cambio della moneta per verificare se le variazioni del prezzo dei carburanti siano giustificate o speculativi. È quanto afferma l’associazione in vista dell’incontro di domani fra Consumatori e Unione Petrolifera al Ministero dello Sviluppo Economico. Commenta il segretario generale Paolo Landi: "Norme di trasparenza per impedire i consueti fenomeni speculativi. I prezzi dei carburanti devono variare una volta al mese. Solo così quello dei carburanti potrà essere un mercato concorrenziale".

"Per anni – afferma Adiconsum – abbiamo denunciato che la variazione dei prezzi dei carburanti una volta al giorno o anche più volte al giorno è un sistema per eludere la concorrenza", sottolineando che la variazione giornaliera "consente fenomeni speculativi alla pompa sui tempi di adeguamento".

"Ai petrolieri – conclude l’associazione – chiediamo di concordare una variazione periodica del prezzo, fermo restando che ogni compagnia decide il proprio nel rispetto delle leggi del mercato.
La variazione periodica permette al consumatore di conoscere la pompa più conveniente dove fare il pieno. Indispensabile è anche un monitoraggio da affidare all’Autorità per l’energia sul greggio, sul brent, sul cambio della moneta per verificare se le variazioni del prezzo dei carburanti e i tempi di adeguamento sono giustificati o speculativi".

Comments are closed.