PREZZI. Carburanti, Consumatori: anomalia sempre più evidente

L’accisa sui carburanti, negli ultimi mesi, ha subito diversi aumenti; ultimo quello dell’Iva che ha da subito prodotto un rialzo dei prezzi. Ma se si sottraggono i 7 centesimi che si pagano in più, per ogni litro di carburante, a seguito di questi interventi, il prezzo dei carburanti si attesta a 1,56-1,57 euro al litro, vale a dire quasi lo stesso costo registrato quando il petrolio aveva raggiunto il record storico di 147 dollari al barile. Oggi è invece quotato a 79 Dollari al barile (o 103,48 Dollari guardando alle quotazioni del Brent).

"È evidente, quindi, che continua ad esserci più di un’anomalia nella determinazione dei prezzi dei carburanti, che sono ben lontani dall’essere in linea con quelli europei – dichiarano Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, Presidenti di Federconsumatori e Adusbef – Grazie a tutto ciò, non lo dimentichiamo, l’Erario percepirà maggiori introiti per ben 1 miliardo e 332 milioni di euro nel 2011, e ben 3 miliardi e 746 milioni di euro nel 2012. Quando si avrà un reale controllo sulla filiera petrolifera e quando si attuerà un reale processo di modernizzazione della rete di distribuzione sarà sempre tropo tardi".

 

Comments are closed.