PREZZI. Caro benzina: Adiconsum chiede ai Comuni di potenziare il trasporto pubblico

Il caro carburante sta creando notevoli difficoltà economiche a famiglie ed imprese. Il petrolio ha superato la soglia dei 110 dollari e il greggio ha toccato un nuovo record a 110,77 dollari al barile. Per Adiconsum l’unico aspetto positivo dell’aumento del costo della benzina è quello di incentivare un sempre maggior numero di consumatori ad usare il mezzo pubblico. Per questo motivo devono essere inevitabilmente aumentate la frequenza delle linee pubbliche, già ora spesso insufficienti a servire gli attuali utenti, meno che mai ad un sensibile incremento della domanda.

"Il caro benzina – ha dichiarato Paolo Landi, segretario generale dell’associazione – sta obbligando un sempre più crescente numero di cittadini a servirsi del mezzo pubblico". Tuttavia a questo aumento dell’utenza, "sino ad oggi – ha continuato Paolo Landi – non è corrisposto un parallelo aumento delle corse, con aumentati disagi ai cittadini. Le aziende di trasporto debbono rimodulare l’offerta per accogliere questa nuova domanda per trasformare quello che oggi è un obbligo in una opportunità da sfruttare".

Per questa nuova utenza, che vuole utilizzare il trasporto pubblico invece che la propria auto, il mancato aumento delle corse ha comportato un limite alla propria libertà di movimento. Limite che un’accorta politica delle aziende pubbliche di trasporto potrebbe trasformare in una opportunità per far capire i vantaggi che il trasporto pubblico dà sia in termini economici sia di tempo non più perso per cercare il parcheggio delle auto.

Per Adiconsum rendere stabile questa nuova utenza è fondamentale per liberare in modo permanente le strade dal traffico. L’associazione, quindi, oltre a chiedere alle aziende di trasporto ad aumentare le frequenze delle corse, specie quelle site nelle zone più periferiche della città e di collegamento con le Metro e la Reti ferroviarie urbane, invita anche le amministrazioni comunali a fare opera di sensibilizzazione verso le aziende di trasporto.

Comments are closed.