PREZZI. Caro divertimento, ecco i consigli di CODICI

Divertirsi non è un gioco da ragazzi e costa decisamente caro. Secondo il sondaggio svolto dal Centro per i Diritti del Cittadino (CODICI), infatti, i giovani dai 18 ai 25 anni "per divertirsi e seguire tutte le mode del momento" spendono in media da un minimo di 93 euro ai 180 euro a week end. Lo riferisce CODICI in una nota.

L’associazione dei consumatori ha intervistato un campione di 500 giovani dai 18 ai 25 anni nelle città di Rimini, Roma, Napoli e Bari dal quale è emerso che "il modello di divertimento preferito dalle giovani generazioni" è decisamente caro e consiste in:

  • Venerdì: cena fuori ( una pizza ed una birra ), cocktail al wine bar e discoteca;
  • Sabato: giornata al mare o in piscina, aperitivo e si chiude con un concerto di musica dal vivo all’aperto.

Considerando che per una pizza e una birra si spende dai 15 ai 18 euroe che per un cocktail si spende dai 10 ai 12 in un wine bar e dai 12 ai 35 in una discoteca, il venerdì sera viene a costare tra i 59 e i 98 euro.Non migliora neanche la spesa del sabato calcolando i prezzi di parcheggio (3,50 euro), ingresso in spiaggia o piscina (dagli 8 ai 12 euro incluso il lettino), pranzo e aperitivo (dai 13 ai 22 euro) e il concerto la sera (dai 10 ai 40 euro), si arriva ad un totale di minimo 34 euro ad un massimo di 82.

Per invitare i giovani a spendere meno CODICI ha ipotizzato "un week end tipo di "svago low cost" che in media costa a persona 47 euro. Come? Ecco il programma proposto dall’associazione:

  • venerdì: cena a casa con gli amici: 5 euro a persona comprese le bibite; cocktail al chiosco, 7 euro; feste in spiaggia con ingressi gratuiti + consumazione alcolica, 10 euro;
  • Sabato: spiaggia libera, pranzo al sacco (da casa) + bibita, 5 euro; Aperitivo in spiaggia economico, 5 euro; Sagre di paesini limitrofi dove spesso ci sono concerti dal vivo e/o spettacoli di cabaret gratuiti, consumazioni varie 15 euro.

Comments are closed.