PREZZI. Caro scuola, librai e consumatori liguri chiedono intervento del governo e banche

Un intervento del governo e degli istituti di credito a favore delle famiglie con figli iscritti nelle scuole medie di I e II grado. E’ la richiesta dell’Associazione Librai Italiani e delle Associazioni dei Consumatori Liguri contro il caro libri. Le due organizzazioni si sono oggi incontrate per discutere di iniziative a tutela del diritto allo studio con particolare riferimento alla situazione dei prezzi dei libri.

In particolare, per quanto attiene il governo librai e consumatori chiedono che il costo dei libri di testo e più in generale le spese per la didattica siano deducibili già nella prossima dichiarazione dei redditi e che si avvii un percorso concordato anche con le associazioni dell’utenza per ridurre consistentemente i costi dell’istruzione in tutto il ciclo dell’obbligo. Per quanto attiene gli istituti di credito si chiede di generalizzare l’esperienza di alcune banche praticando il credito alle famiglie a tasso zero per l’acquisto dei libri di testo e del materiale didattico.

Accanto all’associazione Librai Italiani hanno aderito all’iniziativa le seguenti associazioni: Adiconsum, Adoc, Assoutenti, La casa del consumatore, Cittadinanzattiva, Codacons, Federconsumatori, Mdc, Movimento Consumatori, Unc, Lega consumatori Acli.

 

Comments are closed.