PREZZI. Cartello UE sui detersivi. Federconsumatori: con quelli “alla spina” si risparmia 205 euro

La Commissione Europea ha multato per 315,2 milioni di euro la Procter&Gamble e la Unilever per un cartello con la società Henkel sul mercato dei detersivi da bucato in 8 paesi europei, Italia compresa. Il cartello, avviato nel 2002 e proseguito fino al 2005, nel settore della vendita di un prodotto di largo consumo come i detersivi in polvere per lavatrici, ha coperto Italia, Belgio, Francia, Germania, Grecia, Portogallo, Spagna e Olanda. L’intesa tra le compagnie, ha spiegato il commissario Ue alla concorrenza, Joaquin Almunia, utilizzava l’iniziativa volta a migliorare le performance ambientali dei detersivi, promossa dall’associazione di categoria che rappresenta le imprese del settore. "Approfittando di questa iniziativa volta a ridurre l’imballaggio – ha dichiarato Almunia – le compagnie si sono accordate per non abbassare il prezzo pur diminuendo la quantità nella confezione".

Un plauso all’intervento della Commissione Europea arriva da Federconsumatori, secondo cui si tratta di un fatto particolarmente grave, dal momento che riguarda un prodotto largamente consumato dalle famiglie, i cui costi, anche a causa del caro petrolio, hanno registrato in questi ultimi anni una continua crescita. "Insopportabile, poi – scrive l’Associazione in una nota – l’intenzione di lucrare proprio su un principio importantissimo, che noi da sempre promuoviamo, come il rispetto dell’ambiente e la riduzione degli imballaggi".

In tal senso l’O.N.F. – Osservatorio Nazionale Federconsumatori ha realizzato uno studio sui costi dei detersivi "alla spina", quelli venduti presso appositi punti vendita/catene/grande distribuzione, dove, portandosi da casa la confezione del vecchio detersivo è possibile fare rifornimento risparmiando sull’imballaggio ed anche sul costo del detersivo stesso. Una famiglia (2 adulti + 2), utilizzando tali prodotti, non solo contribuirà a produrre effetti estremamente positivi per l’ambiente, con una riduzione notevole di imballaggi (molto spesso non smaltiti nella maniera idonea), ma potrà risparmiare in media 205,11 euro l’anno.

Questi nel dettaglio i risparmi se si compra detersivo alla spina, invece che confezionato: 68,16 euro sui detersivi per lavatrice, calcolando un consumo annuo di 96 litri; 17 euro sull’ammorbidente, per un consumo annuo di 18 litri; 41,34 euro sul detersivo per i piatti, per un consumo di 39 litri; 31,68 euro sul detersivo per pavimenti, per un consumo di 24 litri; 9 euro sui detersivi per i vetri (4 confezioni l’anno); 38 euro sul sapone per le mani, per un consumo annuo di 7 litri.

 

Comments are closed.